A- A+
Milano
Saronno, infermiera killer: in appello la procura chiede conferma 30 anni

Saronno, infermiera killer: in appello la procura chiede conferma 30 anni

Confermare la condanna a 30 anni di reclusione per Laura Taroni, l'ex infermiera del pronto soccorso di Saronno, in provincia di Varese, per gli omicidi del marito e della madre, Massimo Guerra e Maria Rita Clerici, decisa dal Tribunale di Busto Arsizio in rito abbreviato. E quanto ha chiesto il sostituto procuratore generale della Corte d'Appello di Milano nel corso dell'udienza del processo d'appello. La sentenza in primo grado "non può che essere confermata", ha spiegato. Per i due delitti, che sarebbero stati commessi con farmaci letali, la donna è stata accusata in concorso con l'amante, Leonardo Cazzaniga, l'ex viceprimario del pronto soccorso, a cui in un altro processo sono imputati undici omicidi in corsia. Nel febbraio dello scorso anno il gup di Busto Arsizio aveva condannato a 30 anni di carcere Taroni. Cazzaniga aveva scelto invece di farsi processare con rito ordinario. A giudizio per le morti sospette anche altri cinque medici dell'ospedale di Saronno, accusati a vario titolo di omessa denuncia, falso ideologico e favoreggiamento. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    infermiera killerinfermiera killer saronnoinfermiera killer condannata






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.