A- A+
Milano
Insurrezione contro l'eliminazione dei pizzoccheri dai menu scolastici della Valtellina
pizzoccheri

"Togliere i pizzoccheri dalle mense scolastiche della Valtellina penso sia un atto di totale insensatezza e di scarso rispetto delle tradizioni locali. Ed è altresì offensivo derubricare un piatto che racconta la cultura e il territorio come piatto dei contadini, con accezioni dispregiative che i contadini, custodi della terra, non meritano". L'assessore all'Agricoltura della Lombardia Gianni Fava si schiera dalla parte dei pizzoccheri della Valtellina, piatto tipico della provincia di Sondrio, e di quei cittadini che chiedono per i loro figli che vengano introdotti nel menù della mensa dopo la decisione dell'Amministrazione del Comune di toglierli dal menu della refezione. "Dopo i piatti esotici introdotti da Milano Ristorazione in passato e sonoramente bocciati dagli utenti delle mense scolastiche - commenta Fava -, sinceramente pensavo che si fosse toccato il fondo. Invece mi sbagliavo e, alla vigilia di Expo, evento mondiale che sarà l'occasione di un confronto sull'agricoltura, sul cibo, sui territori e sulla promozione e difesa dei prodotti locali a ogni latitudine e longitudine, assistiamo a questa malparata del Comune di Sondrio e dell'Asl". "I pizzoccheri della Valtellina, come molti altri prodotti tipici della Lombardia - conclude l'assessore -, nascono da tradizioni contadine e, sebbene qualcuno li abbia definiti 'piatto povero', ricordo a questi benpensanti che sono figli di una cultura ricca di fantasia, artigianalità e fatica".

Tags:
gianni favapizzoccherisondriovaltellinamensa scolastica






A2A
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.