A- A+
Milano
Iulm e Banca Popolare: doppio (falso) allarme bomba a Milano
iulm

Un allarme bomba, nella mattina di venerdì 24 aprile, ha interessato la sede di via Santander dell'Università di comunicazione e lingue (Iulm) di Milano. L'allarme è scattato intorno alle 8.30, dopo una telefonata anonima. A riceverla un addetto alle pulizie che ha subito avvertito i responsabili della struttura e la polizia. Sul posto sono intervenuti gli artificieri che hanno perlustrato e 'bonificato' il padiglione e gran parte della sede universitaria. Per consentire le operazioni, gli edifici sono stati evacuati per circa un paio di ore. Nessun ordigno è stato tuttavia rinvenuto e la situazione è tornata alla normalità.

Poche ore dopo, è tuttavia scattato un nuovo allarme bomba, questa volta alla sede della Banca Popolare di Milano di piazza Meda. Intorno alle 11, un uomo ha telefonato agli uffici segnalando la presenza di una bomba. Immediatamente è stato chiesto l'intervento delle forze dell'ordine che sono intervenute sul posto con squadre di artificieri e cinofili, oltre ad agenti della squadra volante che hanno ordinato l'evacuazione dell'edificio. I locali della banca sono stati perlustrati e bonificati, ma non è stato individuato alcun ordigno. La situazione è rientrata alla normalità intorno alle 12.30.

Tags:
iulmbombaallarme bombauniversità della comunicazione







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.