A- A+
Milano
Keith Haring, 110 opere in mostra a Palazzo Reale
Keith Haring

Milano celebra il genio di Keith Haring (1958-1990) con una grande mostra allestita nelle sale di Palazzo Reale, da domani, 21 febbraio fino al 18 giugno prossimo. La mostra, dal titolo "Keith Haring. About Art", curata da Gianni Mercurio, promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, presenta 110 opere, molte di dimensioni monumentali, alcune delle quali inedite o mai esposte in Italia. "L'inconfondibile linguaggio di Keith Haring e' il protagonista di una mostra dalla straordinaria potenza iconica e visionaria - ha dichiarato l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno -. L'esposizione sviluppa un percorso critico nuovo che per la prima volta accosta le rappresentazioni pittoriche, i graffiti e i video delle performance di Haring a opere che hanno rappresentato gli stimoli creativi del suo personale immaginario, provenienti dalla tradizione classica, tribale e pre-colombiana, passando dal Rinascimento per arrivare fino all'arte del '900".

Le opere dell'artista americano si affiancano infatti per la prima volta a quelle di autori di epoche diverse, a cui Haring si e' ispirato e che ha reinterpretato con il suo stile inconfondibile, in una sintesi narrativa di archetipi della tradizione classica, di arte tribale ed etnografica, di immaginario gotico o di cartoonism, di linguaggi del suo secolo e di escursioni nel futuro con l'impiego del computer in alcune sue ultime sperimentazioni. Tra queste, s'incontrano quelle realizzate da Jackson Pollock, Jean Dubuffet, Paul Klee per il Novecento, ma anche i calchi della Colonna Traiana, le maschere delle culture del Pacifico, i dipinti del Rinascimento italiano e altre.

Keith Haring e' stato uno dei piu' importanti autori della seconda meta' del Novecento; la sua arte e' percepita come espressione di una controcultura socialmente e politicamente impegnata su temi propri del suo e del nostro tempo: droga, razzismo, Aids, minaccia nucleare, alienazione giovanile, discriminazione delle minoranze, arroganza del potere. Haring ha partecipato ad un sentire collettivo diventando l'icona di artista-attivista globale. Tuttavia, il suo progetto, reso evidente in questa mostra, fu di ricomporre i linguaggi dell'arte in un unico personale, immaginario simbolico che fosse al tempo stesso universale, per riscoprire l'arte come testimonianza di una verita' che pone al suo centro l'uomo e la sua condizione sociale e individuale.

E' in questo disegno che risiede la vera grandezza di Haring; da qui parte e si sviluppa il suo celebrato impegno di artista-attivista e si afferma la sua forte singolarita' rispetto ai suoi contemporanei. L'esposizione sara' ordinata in un allestimento di forte impatto e denso di rimandi al contesto in cui la breve ed esplosiva vita di Haring gli consenti' di esprimersi come una delle personalita' piu' riconosciute dell'arte americana del dopoguerra. La mostra e' inserita nel calendario di Artweek, che si terra' dal 27 marzo al 2 aprile 2017 in occasione di Miart 2017 e vedra' Milano fulcro dell'arte contemporanea con inaugurazioni, aperture straordinarie, visite guidate, contenuti speciali ed eventi, realizzati in collaborazione con tutte le istituzioni pubbliche e private che aderiscono all'iniziativa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
keith haring milanokeith haring palazzo reale milano






A2A
A2A
i blog di affari
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
Unioni civili, l'iter da seguire se si vuole divorziare
di Avv. Francesca Albi*
Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.