A- A+
Milano
L'ex sindaco Pisapia attacca Salvini: coi suoi decreti più irregolari

L'ex sindaco Pisapia attacca Salvini: coi suoi decreti più irregolari

L'ex sindaco Pisapia scrive un lungo post sulla sua pagina Facebook, dove esprime la sua contrarietà nei confronti dei decreti Salvini: “Si sta demolendo la costituzione pezzo per pezzo” con queste parole l’ex presidente della corte costituzionale Giovanni Maria Flick ha commento l’approvazione del secondo decreto sicurezza a firma Salvini e governo giallo verde. Come emerge ormai chiaramente i “decreti Salvini”, nulla hanno a che vedere con la sicurezza in quanto hanno creato le condizioni per cui decine di migliaia di migranti che avevano ottenuto, o avevano chiesto, il visto per motivi umanitari - e che quindi erano regolari e non certo clandestini - sono finiti, da un giorno all'altro, in una situazione di irregolarità con il rischio di finire nell'illegalità. Non solo: pensiamo alle multe abnormi, ai poteri eccessivi e illogici al Ministro dell’Interno per la chiusura dei porti, al sequestro e distruzione delle navi che prestano soccorso. Tutte cose in spregio ai doveri di solidarietà imposti dalla Costituzione e dalle convenzioni internazionali sottoscritte dall’Italia.Un arretramento sui diritti umani e civili a dir poco preoccupante: sul decreto “insicurezza bis” l’attuale Presidente del Consiglio Conte, allora a capo del governo giallo-verde, aveva anche chiesto la fiducia, mentre il Presidente della Repubblica lo aveva pesantemente censurato dal Capo dello Stato. Eppure quegli obbrobri legislativi sono ancora lì. Alcuni ministri dei 5 stelle hanno ripetutamente dichiarato che si intende solo procedere a un maquillage, mentre invece serve un ribaltamento radicale di norme a dir poco sciagurate. Temi così delicati, che toccano centinaia di migliaia di persone e i loro diritti, meritano attenzione e rispetto istituzionale. Queste norme non sono diverse se cambia il governo: restano un’onta per l’Italia civile. Capisco che ci sono state altre priorità, dalla finanziaria all’Ilva, a Alitalia (solo per citarne alcune); capisco che siamo in un clima elettorale che rende tutto più complicato; ma quando si tratta di umanità, di giustizia, di diseguaglianze, di diritti – e anche di doveri – non vi può essere il minimo arretramento. Il 5 febbraio saranno cinque mesi di governo giallorosso: speriamo che, dopo 5 mesi, il Parlamento possa esaminare, e approvare, vere riforme che non solo cancellino norme inique e inaccettabili ma che facciano ritornare quello stato di diritto che il passato governo ha in più occasioni cancellato."

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    pisapiasalvinidecreti sicurezza






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Trieste, repressa la protesta pacifica: l'immagine del golpe globale
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.