A- A+
Milano
L'Expo secondo Sgarbi: "Padiglione Italia? Centi milioni buttati. Meglio stare a casa..."

"Questo Expo, che è bellissimo per i Paesi stranieri, è bruttissimo per il Padiglione Italia, una delle peggiori strutture del mondo, costata cento milioni buttati, per ospitare alcune opere non italiane, alcune della Magna Grecia, di cui una in portineria, e una solo opera di un italiano, tra l'altro siciliano, come Guttuso". Questi i commenti di Vittorio Sgarbi, che ha presentato Piazzetta Sicilia, di fronte il Padiglione Italia a Expo Milano 2015, realizzata dall'assessorato regionale Attività produttive. "Questa inutile macchina, che rimarrà anche quando tutto sarà finito - ha proseguito Sgarbi - dà la dimostrazione dello spirito dell'Expo: un grande, enorme, bellissimo luna park, di quadri, video fotografie, di cose che puoi vedere a casa tua. Se hai l'intelligenza di non venire, te le vedi a casa, praticamente le stesse".

Tags:
expovittorio sgarbipadiglione italia







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.