A- A+
Milano
Mostra La Permanente. Una storia milanese, 22 luglio   12 settembre 2015...foto di Duilio Piaggesi
 

LA PERMANENTE. 

UNA STORIA MILANESE

a cura di Rosella Ghezzi e Chiara Vanzetto

inaugurazione 21 luglio ore 18.30

apertura al pubblico 22  luglio – 12 settembre 2015

sede Palazzo della Permanente via Filippo Turati 34 Milano

orari da martedì a domenica 10-13/14,30-18,30; chiuso tutti i lunedì, 15 e 16 agosto

ingresso libero 

In occasione di Expo 2015 Milano mette in luce le sue eccellenze. Tra queste non può mancare la Permanente, illustre istituzione d’arte meneghina, che si racconta con la mostra “La Permanente. Una storia milanese”, a cura di Rosella Ghezzi e Chiara Vanzetto. 

Una storia fatta di grandi maestri, di grandi esposizioni d’avanguardia e di un grande ruolo, esercitato per oltre un secolo in città a favore della promozione della cultura e dell’arte. 

Una storia che da una parte ricostruisce le vicende della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, che ha sede dal 1886 nel Palazzo di via Turati progettato da Luca Beltrami, grazie a documenti, manifesti, cataloghi e fotografie dell’archivio. 

Dall’altra presenta il formarsi della raccolta stabile, con una selezione di una centinaio di opere d’arte italiana - in particolare lombardo-milanese -, tra cui alcune inedite, scelte tra le oltre quattrocento della collezione del Museo, riconosciuto da Regione Lombardia nel 2014. Dipinti e sculture realizzati dai primi del ‘900 a oggi: dalle tendenze figurative alle ricerche astratte, fino alle sperimentazioni più recenti, di artisti come Bucci, Carpi, Carrà, Casorati, Consagra, De Grada, Fontana, Gola, Martini, Marussig, Paladino, Pomodoro, Rosai, Scheggi, Schifano, Tadini.

Il patrimonio del museo è in continuo incremento ed evoluzione, grazie a lasciti, donazioni e depositi prestigiosi: tra questi la rassegna propone un focus sulla collezione di “Disegni della Resistenza” dello storico dell’arte Mario De Micheli, donata nel 1984 dallo stesso De Micheli, assieme alla moglie Ada, al comune di Trezzo sull’Adda - paese natale della madre - e attualmente affidata, in comodato d’uso cinquantennale, alla Permanente. La sezione in mostra, rappresentata da una trentina di pezzi scelti, è curata da Francesca Pensa e Giorgio Seveso.

La mostra è dedicata al Direttore della Permanente Alberto Ghinzani, recentemente scomparso, con un piccolo omaggio che raccoglie alcune delle sue opere. Scultore, docente dell’Accademia di Brera, artista e uomo di profonda sensibilità e cultura, Ghinzani ha speso molti anni e molte energie nelle attività dell’Ente e nella costruzione della collezione stessa.

Durante l’inaugurazione verrà presentata un’installazione degli Urbansolid - che lo scorso anno hanno donato un’opera al Museo della Permanente  -, realizzata per Expo 2015.

“E’ con grande soddisfazione ed entusiasmo - dichiara il Presidente della Permanente Giulio Gallera - che apriamo le porte della Permanente ai cittadini e ai turisti presenti in città con questa importante rassegna sulla storia della nostra gloriosa Istituzione e della sua collezione d’arte. Una grande occasione, che consente di far conoscere o ritrovare ai visitatori un nucleo di dipinti, sculture e materiali d’archivio, simbolo dell’eccellenza nella storia dell’arte lombarda e italiana.”

Tags:
permanentemostra






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.