A- A+
Milano

La protesta dei Cub, No di Cgil, Cisl, Uil: "Servono nuove regole chiare"

IMPRESE-LAVORO.COM - Milano – In una nota Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti prendono le distanze dallo sciopero proclamato per la giornata di oggi dai sindacati di base. ”E’ stato programmato per oggi, 25 ottobre, uno sciopero del sindacalismo di base che interesserà Atm e tutto il comparto dei trasporti”, spiega la nota. “Sappiamo bene come ogni sciopero dei servizi di trasporto provochi disagio ad altri lavoratori che quotidianamente sono costretti a recarsi sul posto di lavoro utilizzando i mezzi pubblici, ragion per cui Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti Milano e Lombardia ricorrono a questo strumento con attenzione, per motivazioni chiare e non “buone per tutte le stagioni”, consapevoli come spesso sia sufficiente “l’effetto annuncio” per creare forti disagi alle persone. I numeri lo indicano chiaramente.  Nell’ambito Atm, Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti Milano e Lombardia hanno effettuato meno scioperi negli ultimi dieci anni di quanti altre organizzazioni, decisamente meno rappresentative, ne abbiano proclamati negli ultimi dieci mesi. E’ altresì evidente come su questioni concrete che attengono alle condizioni dei lavoratori ed alla tenuta occupazionale, non facciamo sconti, lo abbiamo dimostrato ampiamente in passato. Per fare un paio di esempi: nel 2017 abbiamo chiamato i lavoratori allo sciopero per salvaguardare il perimetro operativo, e quindi occupazionale, di attività Atm nell’ambito del bando di gara, così come, più di recente, abbiamo scioperato per il pericolo, concreto, del taglio di finanziamenti pubblici al TPL, che avrebbe impattato su lavoratori e cittadini. Ebbene, entrambi questi problemi sono stati risolti anche per effetto diretto delle nostre mobilitazioni"

"La più che legittima percezione dei cittadini milanesi e dei pendolari - prosegue la nota - è invece che il TPL, tutti i venerdì, sia in sciopero. Proprio per questa ragione Cgil, Cisl e Uil, che sono concretamente impegnate nell’attuazione dell’Accordo Interconfederale sulla Rappresentanza Sindacale, chiedono da tempo una modifica della normativa sul diritto allo sciopero nei servizi pubblici essenziali (L. 146/91) che oramai fatica a tutelare tutti i soggetti coinvolti, chiedendo di inserire principi che possano raccordare il diritto costituzionale allo sciopero con il reale consenso che un sindacato (qualunque sindacato) abbia in un’azienda, con il risultato di ridurre il numero di astensioni. Fino ad oggi questa proposta è rimasta inascoltata e ci si è invece voluti orientare ad un inasprimento tout court del diritto dell’esercizio di sciopero, che tradisce lo spirito della legge 146 (cioè “contemperare il diritto di sciopero a quello della mobilità”). Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti Milano e Lombardia chiedono un deciso passo in avanti su questo tema, allo scopo di salvaguardare il diritto costituzionalmente stabilito allo sciopero per chi lo esercita in maniera seria e responsabile, fuori da ogni strumentalizzazione”, conclude la nota sindacale.

Loading...
Commenti
    Tags:
    sciopero mezzi pubblicisciopero atmsciopero milanosciopero 25 ottobre

    Regione Lombardia Video News









    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Scuola, "Mia figlia si è fatta male, posso chiedere i danni all'istituto?"
    di Dott. Francesca Albi *
    Migranti, "porti aperti" dicono i nuovi schiavisti supportati dalla sinistra
    Di Diego Fusaro
    La comunicazione politica influenzata dal populismo degli elettori
    Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.