A- A+
Milano
La storia dell'industria milanese in scena all'Auditorium Pirelli

Milano, metropoli eclettica in continua evoluzione senza mai perdere di vista la sua natura di città industriale, è stata protagonista di uno spettacolo andato in scena all'Auditorium dell'Headquarters Pirelli, nella serata di giovedì 15 ottobre. Grazie all'organizzazione di Fondazione Pirelli e del Teatro Franco Parenti, con la collaborazione dell'Università degli studi Milano-Bicocca, il capoluogo lombardo è rivissuto nelle voci narranti di due attori, e nei dialoghi di alcuni scrittori 'guidati' dal direttore di Fondazione Pirelli, Antonio Calabrò.

Gli interpreti Marina Rocco e Rosario Lisma hanno raccontato con le loro voci vibranti la Milano delle fabbriche, di quel protagonismo del lavoro che è stato la chiave dello sviluppo della metropoli. E poi ancora stralci della vita operaia. Vicende, vicoli, strade indimenticabili, ricordi, abitudini di una città dove un tempo c'era il verde e poi man mano è stato fagocitato dai palazzi e dai grattacieli, che hanno ridisegnato uno skyline tutto nuovo. Una Milano osservata dentro e fuori dalle fabbriche, dal basso verso l'alto e oltre, dove si intravvede il suo domani.

Calabrò storia della Milano industriale all'Auditorium Pirelli video
Calabrò: storia della Milano industriale all'Auditorium Pirelli

Un fil rouge di racconti di Dino Buzzati, Giorgio Scerbanenco, Alberto Savinio, e ancora Ottiero Ottieri, Giorgio Fontana e Alberto Rollo, interpretati dalla coppia Rocco-Lisma, che hanno offerto spunti di discussione ai presenti sul palco: Piero Colaprico, giornalista e scrittore, Giuseppe Lupo, scrittore e professore dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, e Pietro Redondi, docente dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca. Un talk-show in divenire orchestrato dalle sapienti domande del direttore Calabrò.

La serata è stata anche l'occasione preziosa per ascoltare per la prima volta, alcuni estratti di 'Questa è la nostra città', sceneggiatura inedita scritta da Alberto Moravia nel 1947 e conservata nell'Archivio

Storico Pirelli. Il film fu commissionato allora da Alberto Pirelli per il settantacinquesimo anniversario dell'azienda. Avrebbe dovuto essere diretto da Roberto Rossellini, ma non fu mai realizzato. Si tratta di un autentico stralcio della vita quotidiana della Milano industriale, raccontata attraverso la fabbrica

Pirelli Bicocca degli anni quaranta:

'Ecco la fabbrica Pirelli. Gli operai conversano da ogni parte nel piazzale prospiciente la portineria, tra i carrettini di frutta e le bancarelle dei venditori di sigarette. Un debole sole autunnale gioca sul piazzale e sulle mura della Pirelli. Gli operai entrano in fila, vanno a riporre la bicicletta nel deposito, sotto la tettoia, e quindi si avviano ciascuno al proprio reparto'.

Una serata a spasso tra le epoche dai felici anni '60, agli oscuri '70, alla nuova rinascita degli '80, fino a oggi, un presente in cui Milano continua a correre e fare un po' da faro al resto del Paese.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    storia dell'industria milaneseauditorium pirelli






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse
    Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.