A- A+
Milano
La strana lite nel centrodestra, un sasso nello stagno fermo delle elezioni
Paolo Guido Bassi 

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

Paolo Guido Bassi è un lungagnone alto alto, con la faccia intelligente, che fa il presidente di municipio per la Lega. E' uno che non parla spesso, ma quando parla... Così è interessante vedere la baraonda che ha scatenato un suo post su Facebook, figlio proprio di una chiacchierata tra noi due, nel mondo del centrodestra milanese. Dopo aver commentato la scelta del Movimento 5 Stelle di andare con Sala in modo organico, Bassi scrive: "Sul fronte opposto il Centrodestra stenta a battere un colpo che si faccia udire. La Lega c'è e si vede. Su stimolo di Stefano Bolognini, ogni settimana un presidio o una manifestazione. Oltre a diverse iniziative online di dibattito e approfondimento. Forza Italia appare più in forma che altrove, grazie anche al lavoro di coordinamento di Cristina Rossello, mentre Fdi sembra "ballare da sola", facendosi sentire più per informare dei vari fuoriusciti da altri partiti cui ha offerto un posto, che per altro. Milano Popolare e l'area cattolica non di centrosinistra, appare disorientata. Nel complesso, un peccato. Se nessuno nega che la contingenza possa essere difficile, è abbasta evidente che il centrosinistra (più o meno allargato), non abbia una vera prospettiva sul futuro della città. Ed è da qui - credo - che l'ambiente che si pone come alternativo a queste forze dovrebbe ripartire. Meno personalismi e più visione, anche a costo di cedere qualcosa in termini di "brand". Ogni giorno che si lascia passare, è un giorno perso".

Apriti cielo. Marco Osnato, che di Fratelli d'Italia è parlamentare molto influente a Milano: "Grazie mille Bassi... mentre cerchiamo di imparare come si fa politica volete magari proporci un candidato sindaco?". Matteo Forte, di Milano Popolare: "Certo che se invece di sparare sentenze sugli alleati (quelli così disorientati che nell'ultimo mese hanno portato per esempio a Palazzo Marino un problema del Municipio 4, come lo "sfratto" da parte del Comune di una straordinaria realtà come Nocetum) si condividesse un'idea di città e un candidato, magari saremmo già partiti con la campagna elettorale". De Chirico di Forza Italia: "Anziché fare a gara su Facebook a chi ce l'ha più lungo (che poi sarebbe il duro 2.0) dovremmo organizzare quanto prima un'assemblea degli eletti per discutere apertamente sul candidato sindaco del centrodestra, visto che di primarie sono l'unico a parlarne". Alla fine Bassi chiosa: "Il senso del post era quello di lanciare il sasso in uno stagno con le acque ferme da troppo tempo. A beneficio di tutti. Il Centrodestra a mio avviso, è un perimetro consolidato che andrebbe valorizzato".

Incredibile ma pare che nel centrodestra ci sia ancora abbastanza vita da provare a litigare.

fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    centrodestralite centrodestraelezioni milano
    Loading...










    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Formazione e aggiornamento ICT con WhoTeach, Assintel e Formaterziario
    WhoTeach
    Il Governo Draghi estirpi la mafia una volta per tutte
    Di Ernesto Vergani
    Covid, al cospetto del nuovo ordine mondiale senza libertà e diritti
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.