A- A+
Milano

di Fabio Massa

Un po’ di vergogna bisognerebbe anche provarla, quando dalle parole si passa ai fatti. Anzi, non si passa ai fatti. La città metropolitana era stata salutata come l’unica vera innovazione dell’architettura dello Stato degli ultimi anni. Ogni servizio, dall’acqua all’energia, per arrivare finanche a pensare alle primarie per il sindaco di Milano, doveva essere giocato in “chiave metropolitana”. Quante belle parole. Poi c’è la realtà. Soldi non ce ne è, e in fondo della Città Metropolitana non gliene frega più una cippa a nessuno. La dimostrazione? All’assemblea dei sindaci in programma ieri non si è presentato quasi nessuno: in 56 su 134. Una vergogna. Pisapia, recalcitrante sindaco della città metropolitana, quantomeno rispetta sempre i doveri istituzionali, e c’era. Il bilancio, ovviamente, non è stato approvato. Machissenefrega. In fondo tutto va guardato “in ottica metropolitana”. Anche l’ipocrisia della politica.

PS. Poi bisognerebbe guardare tra i sindaci assenti chi fa della legalità e della correttezza il proprio cavallo di battaglia. Ci sarebbero interessanti scoperte…

Tags:
città metropolitanaeditorialevergogna







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.