A- A+
Milano
Brianza, 152 operai le prime 'vittime' dello sblocco licenziamenti

Brianza, 152 operai le prime 'vittime' dello sblocco licenziamenti

152 operai licenziati dalla Gianetti Fad Wheel, in Brianza, sono il primo risultato della mancata proroga del blocco dei licenziamenti. Decine di commentatori si sono spellati le mani nel plaudire all'accordo della scorsa settimana che prevede interlocuzioni, ricordo non vincolanti, tra aziende e sindacati prima di licenziare. Ora chiedo: come mai puntualmente si licenzia senza accordi? Come mai Confindustria si straccia le vesti per la proroga del blocco e non proferisce verbo se gli industriali, prevedibilmente, disattendono gli accordi sottoscritti?" È quanto afferma la Senatrice Rossella Accoto, Sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali (in foto).

Fim-Fiom-Uilm: Assolombarda richiami Gianetti a rispetto accordi

 Le segreterie regionali di Fim, Fiom e Uilm hanno appreso dalle rispettive categorie territoriali che, nella giornata di sabato 3 luglio 2021, dopo una giornata lavorativa di straordinario, la Direzione della Gianetti Ruote, storica fabbrica nella produzione di cerchioni nel settore dei veicoli pesanti, ha fatto pervenire ai sindacati e ai 152 lavoratori la comunicazione di licenziamento collettivo. I sindacati chiedono, dunque, ad Assolombarda di richiamare l'azienda al rispetto degli accordi sottoscritti. Risulta "incomprensibile la scelta di chiudere lo stabilimento da un giorno a un altro, quando inoltre niente faceva presagire tale azione da parte della Società. Chiediamo subito il ritiro della procedura", spiegano i sindacati. Una decisione "inaccettabile: le difficoltà asserite dall'azienda non possono ricadere sui lavoratori. Se ci sono problemi si apra un tavolo di confronto con il sindacato per individuare insieme le soluzioni più opportune. Troviamo altrettanto inaccettabile che la Gianetti Ruote, associata a Confindustria (Assolombarda), abbia deciso - sottolineano - di non dare seguito agli impegni sottoscritti in data 29 giugno tra Governo e tutte le Parti Sociali, con la firma dell'avviso comune".

Pertanto, Fim Fiom e Uilm regionali chiedono ad Assolombarda "di richiamare la propria associata affinché attui il mantenimento degli impegni sottoscritti, utilizzando strumenti alternativi ai licenziamenti, per trovare ogni forma di soluzione per dare continuità al mantenimento del sito produttivo. Siamo fortemente convinti che gli impegni vanno applicati a partire dal pieno rispetto dell' avviso comune e qualora la Direzione non dovesse arretrare sulla propria decisione, chiediamo ad Assolombarda di prendere e rendere pubbliche le distanze dalla propria associata".

Stabilimento Gianetti, Guidesi e Rizzoli: decisione incomprensibile, chiesto incontro alla proprietà

Regione Lombardia ha provveduto a contattare i vertici dell'azienda Gianetti Ruote per chiedere un incontro urgente per chiarire la delicata situazione in cui verte lo stabilimento di Ceriano Laghetto, dopo la decisione improvvisa da parte dell'azienda di chiudere la sede brianzola. "Abbiamo chiesto un incontro in tempi brevissimi - hanno spiegato gli assessori Guido Guidesi (Sviluppo Economico) e Melania Rizzoli (Formazione e Lavoro) - perché riteniamo incomprensibile la decisione della proprietà, anche considerata la modalità con cui l'azienda ha comunicato la decisione ai lavoratori, tramite una mail, una procedura che rischia di non essere rispettosa della dignità dei lavoratori e di creare allarme sociale". "Come Regione - hanno rimarcato Guidesi e Rizzoli - siamo disponibili a trovare una soluzione condivisa ma alla stesso tempo chiediamo la massima collaborazione e responsabilità sociale da parte dell'azienda".

LEGGI ANCHE: Il “PALAZZO BOSCO”: è il più verde d’EUROPA

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    lavorooperaibrianzasbloccolicenziamenti






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse
    Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.