A- A+
Milano
Le conversazioni di Conte e Mattarella. Tutto in piazza: il diritto è morto
Attilio Fontana

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

L'Italia è il Paese nel quale le regole non valgono nulla, e proprio perché non valgono nulla la burocrazia è più aggressiva, e arzigogolata. Oggi parliamo di una vicenda che forse interessa a pochi, ma che è questione di civiltà. Ieri mattina sono arrivati i finanzieri a casa di un po' di persone e hanno chiesto loro i cellulari. Si sono copiati tutte le conversazioni e i whatsapp, tutti i messaggi e il traffico dati, e se ne sono andati. Queste persone non risultano indagate in nessun procedimento, né erano state informate di nulla preventivamente. Non era stato informato neppure il loro avvocato. I finanzieri sono arrivati, hanno preso i dati, e se ne sono andati. Guarda che caso, tra di loro c'è il governatore Attilio Fontana. Il quale, essendo il presidente di una Regione, ovviamente ha conversazioni private, istituzionali e riservate, con onorevoli, ministri, con il presidente del Consiglio e immaginiamo pure con il Presidente della Repubblica. Tutta gente che per costituzione non può essere intercettata. Adesso tutti i messaggi scambiati tra Conte e Fontana, o tra Fontana e Mattarella, o tra Fontana e Salvini, finiranno trascritti o comunque vagliati dalla magistratura. Autorizzazione dalla Camera e dal Senato? Nessuna. Si tratta di "intercettazioni indirette" ma non certo casuali: è ovvio che un governatore parla con i più alti vertici del Paese. Ora, ce ne potremmo anche fregare, perché i politici sono sporchi brutti e cattivi. E in effetti la stragrande parte dell'opinione pubblica se ne è fregata. In fondo, si tratta di gente di destra, che quindi ha costituzionalmente meno diritti, chissene. Il punto è che se una norma esiste, andrebbe rispettata. Ma, come si diceva, ancora una volta fa niente. A questo punto però c'è un problema: che cosa succede se iniziano a filtrare parti di intercettazione sulla stampa? Ho fatto giudiziaria e so come funziona: inizieranno a girare, e non saranno mai presi provvedimenti. Non è mai successo e mai succederà. C'è un altro punto, che riguarda tutti noi. Può essere che un giorno arriva un finanziere e ti chiede il telefono, e tu glielo devi dare. Copia tutto. E ti assicura sì, che userà solo quello che serve all'indagine, ma tu che cosa ne sai? In fondo sui giornali abbiamo visto uscire fuori dei gusti sessuali delle persone, foto compromettenti, roba assolutamente irrilevante ai fini delle indagini. Barbarie alimentate dalla pruderie della gente, che magari va a puttane, ma si scandalizza perché vede una squillo all'angolo. Quindi sì, tu che non sei indagato e non hai fatto nulla se non usare il tuo cellulare, vivi nella paura che qualcosa possa uscire, che qualcosa possa essere frainteso. E stai schiacciato, zitto e fermo, in trepidante attesa. Se hai un ruolo pubblico, o sei un giornalista, i legali ti consigliano il silenzio, e di tenere il basso profilo. E perché? Perché mai? Perché mai un politico, o un giornalista, o un manager, o un imprenditore, dovrebbe essere costretto a rimanere in silenzio e tenere un basso profilo? Dove è finita la democrazia? Dove è finito il diritto di fare quel che si vuole e di dire quel che si vuole purché non sia illegale? Ma che sistema è mai questo? Conte non ha nulla da dire? Fa l'avvocato, no? Mattarella non ha nulla da dire, è il presidente del consiglio superiore della magistratura, no? Mi raccomando tutti zitti. Fin quando non toccherà a voi dover dare le vostre vite digitali, e rimanere là, sotto schiaffo e sotto ricatto, senza aver fatto nulla e senza essere indagati per nulla.

Loading...
Commenti
    Tags:
    conversazioni conte mattarella

    Regione Lombardia Video News









    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Mio marito controlla tutti i soldi. Come reagire alla violenza economica?
    di Avv. Marzia Coppola*
    Just Cavalli Milano: è tempo di Brunch, perché il pomeriggio è la nuova notte!
    Francesca Lovatelli Caetani
    Lo Statuto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite compie 75 anni
    Paolo Brambilla - Trendiest


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.