A- A+
Milano
Le rubano i documenti: anni dopo scopre una figlia registrata a suo nome

Le rubano i documenti: anni dopo scopre una figlia registrata a suo nome

Per quattro anni è stata ritenuta madre a sua insaputa di una bambina nata nel 2011, a causa di un uso truffaldino dei suoi documenti d'identità. La storia viene riportata oggi dalla Provincia Pavese. La donna ha scoperto la finta maternità nel 2015, recandosi a fare degli atti all'anagrafe di Pavia, e trovando di avere, oltre ai suoi figli, con il cognome del marito, anche una figlia con cognome sudamericano. Questo perché i genitori naturali avevano usato un suo documento rubato al momento della registrazione della nuova nata in ospedale, a Milano. Avviato l'iter per il disconoscimento, una sentenza del Tribunale di Milano, ha annullato l'atto di nascita. La ragazza, ormai 13enne, vive in una comunità protetta perché è stata presa in carico dai servizi sociali di un comune dell'hinterland milanese dove sono state avviate le pratiche per l'adottabilità. Iscriviti alla newsletter

Tags:
figliafurto documentimadrepavia







Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.