A- A+
Milano
Lidl, il tribunale di Milano revoca l'amministrazione giudiziaria

Il Tribunale di Milano sezione misure di prevenzione, presieduto da Fabio Roia, ha revocato l'amministrazione giudiziaria disposta il 3 maggio scorso nei confronti di tre direzioni generali della societa' Lidl proprietaria della nota catena di supermercati 'low cost' nell'ambito di un'inchiesta su presunte infiltrazioni mafiose. "La collaborazione efficace e continuativa fornita dalla societa' anche per il tramite dei propri legali - si legge nel provvedimento - agli organi della procedura, le iniziative assunte dalla societa' in relazione ai presidi di controllo interno, alla selezione dei fornitori ed all'allontanamento dei dipendenti ritenuti collusi con i soggetti indagati, danno conto della sensibilita' degli organi di vertice Lidl Italia ai temi della legalita', attenzione che e' stata certamente agevolata dall'introduzione/rafforzamento di una serie di procedure volte proprio ad assicurare che la societa' operi secondo criteri di legalita', trasparenza, rispetto della concorrenza ed adeguata conoscenza dei propri fornitor". Stop quindi all'amministrazione giudiziaria che riguardava le direzioni generali di Volpiano (Torino), Biandrate (Novara), Somaglia (Lodi) e Misterbianco (Catania) ed era limitata ai settori della ristrutturazione/rifacimenti, alla logistica e alla sicurezza, per un periodo di sei mesi.

L'indagine aveva portato all'arresto di 14 persone accusate di avere dato vita a un'associazione a delinquere con l'aggravante mafiosa per presunti rapporti con esponenti del clan dei Laudani di Catania. Secondo la ricostruzione della Procura, alcuni indagati avrebbero ottenuto dai responsabili di Lidl informazioni in anticipo sulle gare in corso e sulle offerte degli imprenditori concorrenti. In particolare, nella direzione catanese, le commesse sarebbero state ottenute dagli indagati attraverso l'interessamento della famiglia mafiosa. Nel provvedimento di oggi, il Tribunale spiega che non ritiene di prorogare i sei mesi di amministrazione giudiziaria (d'accordo con il pm Paolo Storari) perche' la societa' "nella sua piena autonomia" e' in grado di completare il percorso iniziato con, tra le altre cose, l'adozione del modello 231 per prevenire i reati. Tra gli altri cambiamenti valorizzati dal Tribunale ci sono anche la sostituzione del collegio sindacale, la selezione e il monitoraggio dei fornitori e l'impegno alla conservazione del posto di lavoro per i dipendenti di Securpolice, impiegati in appalti Lidl per la sicurezza.

"Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto, frutto di una proficua collaborazione con l'Autorita' Giudiziaria". Cosi' Alessandra Garzya dello Studio DLA Piper che ha assistito Lidl, commenta la decisione del Tribunale di Milano sezione misure di prevenzione, presieduto da Fabio Roia, che oggi ha revocato l'amministrazione giudiziaria disposta nei confronti di tre direzioni generali della societa' Lidl proprietaria della nota catena di supermercati 'low cost' nell'ambito di un'inchiesta su presunte infiltrazioni mafiose. "Con un provvedimento cosi' importante come quello della revoca anticipata - aggiunge - il Tribunale ha confermato come LIDL abbia, da sempre, operato nella legalita' disponendo di sistemi di controllo dei rischi di alto livello, oggi ulteriormente migliorati, in conformita' a quanto si richiede ad una societa' leader del settore. Inoltre per la sua innovativita', il provvedimento potrebbe costituire anche un parametro di riferimento perfuture analoghe procedure". Lidl Italia e' stata assistita dallo Studio Legale DLA Piper con gli avvocati Alessandra Garzya - per gli aspetti giuslavoristici - e Antonio Carino e Antonio Martino - per gli aspetti di natura penale- ottenendo dal Tribunale di Milano la revoca anticipata della misura di prevenzione disposta lo scorso maggio.

Tags:
lidl








A2A
A2A
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Vaccini per riaprire la propria attività. La strategia dell'ordine dominante
L'OPINIONE di Diego Fusaro
L’arte di Street Wall Gallery colora non solo le vie di Milano con IGPDecaux
Paolo Brambilla Trendiest
Finché avremo gli occhi sul futuro, la storia avrà gli occhi su di noi
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.