A- A+
Milano
Lombardia: Consiglio di Stato annulla elezione del difensore civico Lio
"Uscire dalla violenza si può": Carlo Lio
Advertisement

Lombardia: Consiglio di Stato annulla elezione del difensore civico Lio

Il Consiglio di Stato - riporta Adnkronos - ha annullato l'elezione di Carlo Lio a difensore civico regionale della Regione Lombardia. Il Consiglio di Stato ha accolto un ricorso contro l'elezione di Lio, "titolare di licenza di scuola media inferiore", che "deve considerarsi non in possesso di un titolo di studio adeguato all'attività dell'organismo interessato". Un caso sollevato tempo fa da Affaritaliani.it (QUI L'ARTICOLO)

Il ricorso - spiega Adnkronos - era stato proposto da Giuseppe Fortunato contro la Regione Lombardia e il Consiglio regionale della Lombardia sull'elezione di Carlo Lio, decisa dal Consiglio regionale nel maggio 2017, a difensore regionale, svolgendo anche le funzioni di Garante dei detenuti, Garante del Contribuente e Garante del diritto alla salute. Per Fortunato la nomina di Lio a difensore civico regionale sarebbe illegittima, fra l'altro, perché sarebbe privo di "titolo di studio adeguato all'attività dell'organismo interessato" e perché Lio "non potrebbe giovarsi del solo requisito di esperienza consistente nell'avere ricoperto per oltre dieci anni cariche politiche". Lio è stato sindaco e assessore del Comune di Cinisello Balsamo, in provincia di Milano, fino alla elezione in Consiglio regionale della Lombardia nel 2000 e la nomina ad Assessore alle Opere pubbliche, Edilizia pubblica e Protezione Civile. Per il ricorrente, inoltre, nel procedimento elettivo, si sottolinea nella sentenza del Consiglio di Stato, "non sarebbe stata svolta alcuna comparazione tra i curricula dei candidati, per cui sotto tale dirimente profilo" la delibera di elezione di Lio "sarebbe carente di motivazione, mentre la sentenza avrebbe errato nel considerare questa non necessaria in ragione del carattere politico della scelta di competenza dell'organo consiliare". Inoltre alla nomina di Lio "osterebbe il divieto di conferire incarichi dirigenziali a soggetti in quiescenza". La disposizione statutaria prevede invece che il difensore regionale sia "scelto tra soggetti con esperienza nei campi del diritto, dell'economia e dell'organizzazione pubblica", sulla base di "requisiti per l'accesso all'incarico". Per il Consiglio di Stato il primo motivo d'appello "va accolto, avuto riguardo al fatto che rispetto all'elezione a difensore regionale il signor Lio, titolare di licenza di scuola media inferiore, deve considerarsi non in possesso di un 'titolo di studio adeguato all'attività dell'organismo interessato' e la sua elezione "va annullata". Infine, si precisa, "in esecuzione della presente sentenza il procedimento elettivo dovrà essere rinnovato senza tenere conto della candidatura del controinteressato". 

"Sono soddisfatto per il pronunciamento del Consiglio di Stato, io sono pronto, anzi prontissimo, ad assumere l'incarico di difensore civico. Sarò a fianco dei cittadini per difendere la legalità". Lo ha detto all'Adnkronos Giuseppe Fortunato, commentando l'accoglimento, da parte del Consiglio di Stato, del suo ricorso contro la nomina di Carlo Lio a difensore civico della Lombardia.

Commenti
    Tags:
    carlo liocarlo lio difensore civicocarlo lio difensore civico regione lombardia
    Loading...









    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Il Covid non passerà e la vaccinazione sarà un "sacramento"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    L’ignoranza circa l’ebraismo e le ragioni di Israele
    Di Ernesto Vergani
    Rula Jebreal? Ha sbagliato a non andare a ‘Propaganda Live': ecco perché
    L'opinione di Gabriele Di Marzo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.