A- A+
Milano
Lombardia, Ferri (Aria): "Giusto fare i controlli, ma è tutto rendicontato"

Lombardia, Ferri (Aria): "Giusto fare i controlli, ma è tutto rendicontato"

Quattro mesi in trincea per far girare la macchina della Regione e rifornire la Lombardia di tutti i dispositivi di protezione possibile e ora il rischio che una sola fornitura di camici appanni tutto il lavoro di questi mesi. Francesco Ferri presidente di Aria non ci sta a mettere la società sul banco degli imputati e spiega ''il lavoro immane'' di questi mesi di lockdown fatto da una realtà che, nata solo un anno fa dalla fusione di tre aziende regionali, è diventata un modello che ora altre regioni cercano di imitare. ''Tutti gli acquisti che facciamo -spiega all'Adnkronos- sono fatti nella massima trasparenza e non solo vengono rendicontati puntualmente fino all'ultimo centesimo al commissario dell'emergenza, ma vengono ricontrollati con auditing interno che abbiamo attivato. Ribadisco che ogni azione è fatta a norma di legge''. Secondo Ferri ''è giusto che laddove si possa prospettare qualsiasi sospetto più o meno fondato vengano fatti ulteriori accertamenti, compresi quindi quelli della magistratura, ma posso dire con assoluta certezza che tutto quanto è stato fatto al meglio delle nostre possibilità in un periodo di vera emergenza da stato di guerra''. Certo, spiega il manager ''c'e' stata la deroga al codice degli appalti per acquisire in tempi rapidi i beni in piena crisi sanitaria, ma lo abbiamo fatto recependo le ordinanze della Protezione civile e della presidenza del Consiglio, indicazioni recepite dalla Regione Lombardia che si è avvalsa poi di Aria come società strumentale''.

Un compito non facile ''se si pensa che nel giro di due settimane siamo riusciti a far lavorare da remoto 4500 persone della Regione garantendo quindi la piena operatività e al contempo andando a cercare sui mercati nazionali e internazionali i dispositivi necessari per farli giungere il più in fretta possibile a tutti gli ospedali, ai medici di medicina generale, alle residenze per anziani''. Ferri snocciola i numeri per far capire la portata degli interventi in un momento in cui c'erano Paesi, come la Germania, che vietavano l'export di presidi sanitari. ''Seguendo le procedure del governo abbiamo comprato 28 milioni di camici per 126 milioni di euro. 68 milioni di guanti in nitrile, 44 mln di mascherine ffp2 e ffp3, 110 milioni di mascherine chirurgiche e altro ancora per un totale di 365 milioni di euro spesi in prodotti messi immediatamente a disposizione della collettività per fronteggiare la crisi, e cioè più di quanto abbia fatto qualsiasi altra Regione. Un compito di proporzioni gigantesche''. Il manager sottolinea che dietro a questi risultati ''c'e' proprio Aria, nata ufficialmente il primo luglio del 2019 dalla fusione di tre società: Lombardia informatica, Arca, la centrale acquisti regionale e Ilspa Infrastrutture lombarde''. Un modello di successo, ''tanto che altre regioni stanno informandosi per imitarlo. Il motivo -spiega il presidente- è semplice: siamo in grado di fare infrastrutture fisiche in cui riusciamo a mettere dentro le migliori tecnologie e i beni e i servizi acquistati sono in funzione della massimizzazione del valore per i cittadini''. Ma non solo. ''Si riducono anche i costi di funzionamento: nel 2019 per 2 mln e nei prossimi tre anni continueremo a ridurli del 15% annuo. E questo a dimostrazione che la nuova società ha la missione ambiziosa di portare efficienza ed efficacia nel sistema regionale''.

Efficacia che si riversa secondo il manager quando ad esempio si fanno gare aggregate. ''dal 2014 sono state gestite più di 500 procedure di gare aggregate per totale bandito di 25 mld di euro; solo nel primo semestre 2020 abbiamo pubblicato 54 gare aggregate che sono il 15% in più rispetto al 2019 e bandito 1 mld e mezzo in più nel primo semestre; abbiamo aggiudicato 37 procedure di gara per un valore di 750 mln. E il numero più significativo e che nel solo 2019 Aria ha contribuito ai risparmi per Regione LOMBARDIA di 1,2 mld di euro''. Ma Aria, spiega il presidente, ha cambiato anche l'approccio all'acquisto non più basato sul mero risparmio: ''non compro più solo il farmaco, ma monitorizzo l'utilizzo del farmaco per stabilirne il giusto costo. Quando scriviamo i capitolati questi sono sempre fatti con consultazioni di mercato, in modo tale che i fornitori competano non più solo sul valore economico, ma sul valore complessivo dato al sistema regionale del welfare, così che alla fine i cittadini ne abbiano vantaggi concreti''.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    lombardiaferriariarendicontatocoronaviruscovid






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
    CasaebottegaJalisse
    Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
    di Avv. Francesca Albi*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.