A- A+
Milano
Lombardia, Medicina democratica: "Sanità, no autocandidatura di Pregliasco"

Lombardia, Medicina democratica: "Sanità, no all'autocandidatura di Pregliasco"

”L’irrituale autocandidatura del dr. Pregliasco ad assessore alla Sanità in Lombardia conferma le nostre preoccupazioni sul rischio che la condizione della salute (sanità) pubblica nella nostra Regione non venga radicalmente modificata, come è invece indispensabile e urgente: il dott. Pregliasco, direttore sanitario del gruppo San Donato, uno dei principali gruppi privati in sanità, rappresenta, infatti, quell’approccio privatistico alla sanità, finalizzato al profitto e non alla salute collettiva”, ha dichiarato Marco Caldiroli, presidente di Medicina Democratica. “Un intervento autentico e concreto di rilancio della sanità pubblica, di abbattimento delle liste di attesa, di potenziamento della medicina e dei servizi territoriali, dovrà scontrarsi per forza con gli interessi delle strutture sanitarie private, a meno che non si tratti di interventi di facciata. Per questo - ha aggiunto- condividiamo le critiche sulla candidatura di Pregliasco sollevate da molte realtà sociali”.

La proposta di Medicina democratica: "Sanità, no ad assessori che provengono dalle strutture sanitarie private"

Per queste ragioni, Medicina Democratica chiede che Majorino dichiari in modo esplicito che, in caso di vittoria, l’assessorato alla Sanità non venga affidato a nessuna persona che svolga, o abbia svolto incarichi dirigenziali apicali in strutture sanitarie private. “Non è pensabile - ha sottolineato Caldiroli - che una responsabilità del genere venga affidata a chi fino al giorno prima gestiva una struttura privata, organizzando il lavoro in modo tale da ottenere il massimo profitto per il proprio gruppo, a spese dei contribuenti e con il beneplacito della giunta regionale. È una ovvia questione di coerenza.”

Medicina Democratica ribadisce la piena volontà di contribuire a sconfiggere il centrodestra di Fontana e Moratti, che tanti disastri ha provocato alla sanità pubblica continuando a sostenere ogni iniziativa volta a contrastare la deriva privatistica e rilanciare nel concreto il diritto alla salute dei lombardi a partire dalla prevenzione, preminente funzione pubblica del servizio sanitario, che non dà profitti ma produce salute, sicurezza sul lavoro, tutela ambientale e condizioni di vita salubri.

Majorino: "Pregliasco è un valore aggiunto"

Majorino ha replicato dichiarando di non dover "chiarire niente a nessuno", dato che "Pregliasco e' un valore aggiunto" per la coalizione di centrodestra in Lombardia. Lo ha affermato parlando con la stampa a margine della presentazione, oggi, della lista del Pd. "Sono molto contento che una figura cosi' forte e autorevole abbia fatto questa scelta coraggiosa - ha sottolineato il candidato Dem - e sono convinto che alla fine prevarra' in tutti la consapevolezza che per cambiare le cose nella sanita' abbiamo bisogno di un'alleanza molto ampia. Poi non siamo certo qui oggi a dividere gli assessorati".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lombardiamajorinomedicina democraticapregliasco






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.