A- A+
Milano
Lombardia, cambio data per la seconda dose dalla fine di giugno

Lombardia pronta per 115 mila dosi al giorno e vax day nei piccoli comuni

Al momento in Lombardia vengono somministrate "tra le 95 e le 100 mila" dosi di vaccino al giorno, "ma se ne arriveranno di piu' siamo pronti a passare a 110-115 mila". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, in collegamento con Bergamo Tv. "Se i numeri dei vaccini verranno confermati, entro fine luglio avremo completato almeno un giro di vaccinazione a tutti i cittadini lombardi", ha confermato il governatore. 

In Lombardia "tutte le fasce a rischio", quindi gli over 60, "hanno percentuali di vaccinazione piu' alte rispetto al resto del Paese, percentuali oltre l'immunita' di gregge. Sono quasi completati. Per completarle nei prossimi weekend organizzeremo nei piccoli paesi qualche Vax day per convincere quelli che non erano convinti, non lo sapevano o si erano dimenticati", ha aggiunto Fontana.

Cambio data per la seconda dose dalla fine di giugno

"La possibilità di effettuare 'cambi data' per la seconda dose, nel range individuato dalle varie tipologie di vaccino, è al momento consentita - utilizzando il call center regionale - solo per la categoria insegnanti impegnata in sessioni d'esame di Stato e scrutini". Lo comunica in una Nota l'Unità di Crisi per la campagna anti-Covid della Regione Lombardia spiegando che "su indicazione della Direzione Generale Welfare, Poste sta implementando la piattaforma con una nuova funzionalità che consentirà il cambio data della seconda dose per tutti i cittadini". "La nuova funzionalità - conclude la Nota - potrà essere operativa indicativamente dalla fine del mese di giugno".

Commenti
    Tags:
    lombardiavax day







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
    di Avv. Violante Di Falco *
    Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.