A- A+
Milano
Lucciole e Lanterne. La rubrica I Hate Milano
Installazione pubblicitaria in Darsena

Chi non e' stato, la scorsa settimana, alla notte delle lanterne sulla Darsena?  E pazienza se tra uno "zio paura fammi fare una foto all'acqua!" e un "raga ma una cartina?" di seguaci del Buddha e del suo messaggio di rinuncia al desiderio terrestre se ne son visti pochi: una folla così' in giro non la si vedeva da tempo. O forse si, la si vede ogni settimana al Rattazzo, ma un tempo quello era un problema e le affilate penne della cronaca locale di via Solferino si scatenavano in dispacci bellici come se il Ticinese fosse una Saigon con il Baffo Moretti al posto del napalm. Adesso pero' l'ordine di scuderia e' cambiato, c'e' Expo da pompare e bisogna far la guerra ai gufi quindi ale', sia benedetto il casino, che bella la musica fino a tardi e sai cosa? A me l'odore dell'urina sui muri non disturba affatto, anzi, fa tanto rustico...

Finche' dura, finche' in questo primo quarto d'estate possiamo illuderci di essere a Berlino, godiamocela senza troppi problemi. Quello che pero' risulta difficile da comprendere, a proposito di lanterne, e' quell'immondo lanternone piazzato li nel mezzo della Darsena. Gia', quel coso illuminato su cui scorrono immagini pubblicitarie 24 ore su 24 (* La rettifica di Navigli Lombardi: "Su CuboLed non scorrono immagini pubblicitarie 24 ore su 24 per la semplice ragione che i contenuti pubblicitari scorrono solo per il 40% del tempo di trasmissione... LEGGI TUTTO). Per non parlare della sponda opposta, dove trova spazio un'altra ributtante mega-installazione pubblicitaria il cui logo si ripete, ossessivo, su tutti i pali della luce. Dieci anni fa, tolsero le romantiche insegne al neon in stile anni '50 da piazza Duomo perche', si diceva allora, "deturpavano il paesaggio urbano". Dieci anni dopo, ci troviamo quel lanternone fetente a irradiare ora una fetta di prosciutto, ora uno svizzero coi baffi che ci dice di prendere il treno, ora una tizia che stringe un maglione e pare avere un orgasmo. Ecco, la cosa davvero incredibile e' come ormai tutto questo sia diventato assolutamente normale, e la pubblicità' sia diventata parte integrante e ingombrante dello spazio urbano al punto da diventare invisibile ai più'. Uno scempio accettato,  tollerato, subito col sorriso sulle labbra come se non fosse possibile il contrario. Ci si strappa i capelli - giustamente - per la pagliuzza di una tag: ma non si dice niente davanti alla trave di una simile installazione, davanti al fatto che ormai un qualsiasi intervento di riqualificazione di uno spazio urbano debba necessariamente passare per la prostituzione di quello spazio a un'agenzia pubblicitaria-pappona che sfrutta un pezzo di città' come fosse una lucciola per farci su dei soldi.

A noi questo continua - e continuerà' per sempre - a fare cordialmente schifo.

Tags:
darsenai hate milanopubblicitàlanterne







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.