A- A+
Milano
M5S, Di Maio ristruttura i territori: Violi in pole per il Nord. Inside
Dario Violi

M5S, Di Maio ristruttura i territori. Violi in pole per il Nord. Inside

Alessandro Di Battista sta sulla riva del fiume. Aspetta. Luigi Di Maio prova a cavarsela con una strategia da politico navigato: istituzione di un coordinamento regione per regione per radicare il partito. Ma il Nord ribolle. E a guardare tutte le province o quasi, il centrodestra unito (Forza Italia, Fdi, Lega), supererebbe il 50 per cento praticamente ovunque. Ovvio che questo non sposta i numeri in parlamento (come ben sa Renzi rispetto ai bersaniani). Però politicamente è un segnale forte. Il Nord vuole la Tav. A Torino vogliono la Tav. Milano vuole correre, e anche se è sensibile al tema della legalità, è più sensibile ancora al tema della crescita. Il Movimento 5 Stelle, invece, ha polarizzato la sua azione a favore degli ultimi. E ha fatto così l'errore che Carlo Calenda descriveva per il Pd: "A forza di pensare agli ultimi ci siamo scordati dei penultimi e dei terzultimi, che sono di più".

E adesso, quindi? Adesso c'è da strutturare il partito, secondo Di Maio. Al Nord potrebbe avere un ruolo Dario Violi, già candidato presidente della Regione Lombardia. Del resto, la cordata con Stefano Buffagni ha portato la Evi al risultato di essere la più votata tra gli eletti pentastellati. Eugenio Casalino non ce la farà, perché è quarto e dovrebbero essere due o tre i posti. Poi, ci sono le riforme e il racconto del Paese. L'autonomia andrà concessa, considerato che i pentastellati lombardi erano stati quelli che l'avevano richiesta per primi. Andrà spostato il focus dai temi dell'equità sociale a quelli dell'ambiente e della crescita. In più, secondo alcuni, nel governo ci potrebbero essere cambiamenti che impatteranno sul tessuto economico del Nord. Per esempio il Mef, che potrebbe finire in mano alla Lega. Addio Tria, addio Castelli. Anche il premier, Giuseppe Conte, subirà l'attacco del Carroccio. Insomma, il caos è assicurato e la tensione è alle stelle. Forse non basterà la riforma territoriale pentastellata a frenare l'emorragia.

fabio.massa@affaritaliani.it

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    dario violiluigi di maioelezioni europeemovimento cinque stelle






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
    di Maurizio De Caro
    Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
    CasaebottegaJalisse
    Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.