A- A+
Milano
Majorino: "Sanità, Regione come Mafia capitale". Pedrazzini: "Parla a vanvera"
Claudio Pedrazzini e Pierfrancesco Majorino

"Non vedo differenze tra Mafia Capitale e il livello di illegalità lombardo, ora che abbiamo scoperto ulteriori pagine oscure legate alla gestione della sanità in Regione": sono parole dell'assessore alle politiche sociali del Comune e candidato sindaco a Milano Pierfrancesco Majorino.

Così replica il presidente del gruppo Forza Italia in Consiglio regionale della Lombardia, Claudio Pedrazzini: "Mi chiedo se l’assessore Majorino abbia letto le carte che riguardano le indagini che hanno coinvolto il vicepresidente Mantovani e l’assessore Garavaglia. Se non le ha lette, il suo commento può essere derubricato tra le tante dichiarazioni 'a vanvera' che ogni giorno possiamo leggere sulle agenzie e sui giornali. Se però ha avuto modo di approfondire l’argomento e nonostante tutto mette sullo stesso piano il quadro emerso a Roma con Mafia Capitale e la situazione lombarda, allora c’è da preoccuparsi, perché vorrebbe dire che abbiamo a che fare con un candidato sindaco di Milano di centrosinistra al di fuori della realtà. Majorino conferma che l’arresto di Mantovani vale a compensare Roma Capitale. Finora solo nel centrodestra si sosteneva che l’arresto di Mantovani consentiva di far passare in secondo piano i disastri di Marino, i rimborsi dei ristoranti di Marino e di Renzi e Mafia Capitale. Adesso il più furbo dei candidati sindaco a Milano ce lo conferma: la sanità della Lombardia è come Mafia Capitale. Allora non ha torto chi sostiene l’uso strumentale della giustizia. Per Majorino vale la formula 'sporchi noi, ma sporchi anche voi'".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pierfrancesco majorinoclaudio pedrazzini






A2A
A2A
i blog di affari
Ddl Zan, e se un ragazzo dicesse di essere un coccodrillo?
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.