A- A+
Milano
Maran: non solo rider, tanti nuovi servizi urbani ancora senza regole
Pierfrancesco Maran

Maran: non solo rider, tanti nuovi servizi urbani ancora senza regole

"L'azione della Procura di Milano sui riders - scrive l'assessore all'Urbanistica, Pierfrancesco Maran, è dirompente ed entra a gamba tesa su un sistema visibile a tutti, da diversi anni, e non affrontato dal legislatore e dalla politica, con poche e lodevoli eccezioni che hanno posto il tema di coniugare innovazione e diritti. Non è l'unico, soprattutto visto dall'osservatorio delle città. Certo i riders sono il fenomeno più critico, anche per i numeri con la possibilità di regolarizzare oltre 60mila lavoratori, ma tutti i temi della logistica hanno questioni similari, così come i servizi alla “uber” son rimasti nelle maglie di leggi vecchie e di scarse tutele, per certi versi cose simili sono accadute con gli affitti brevi."

"Sono tematiche - prosegue Maran - che la politica ha sepolto. Dove le regole erano stringenti, questi servizi son stati soffocati sul nascere, dove invece non vi era una regolamentazione tutto è stato possibile, anche quello che non dovrebbe essere tollerabile. Una delle poche eccezioni l'abbiamo gestita a Milano, inquadrando le regole del car sharing free floating e stabilendo una modalità di lavoro che è stata ricopiata da tutte le altre città consentendo di aprire nuovi servizi nelle regole. Lì però è stato possibile perchè abbiamo potuto muoverci in un vuoto legislativo e il tema riguardava l'innovazione di servizi senza influenzare i diritti del lavoro, in altri campi purtroppo la competenza è proprio solo nazionale e quindi è difficile fare altro che tavoli di lavoro ad adesione volontaristica, come peraltro il Comune di Milano sui riders ha fatto grazie a Cristina Tajani. Quando però non interviene la politica ad innovare le norme vige appunto la regola della giungla oppure alla fine arrivano i tribunali, con misure molto drastiche."

"Ora - conclude Maran - la palla torna alla politica per i riders, e sarà una delle tante sfide che dovrà affrontare il Ministro Andrea Orlando cui auguro buon lavoro, ma restano sul tavolo anche le altre novità di servizi di cui ho parlato prima che, se non affrontate dalla politica, rischiano progressivamente di essere lasciate ai tribunali. E alla fine normare positivamente questi temi, che sono diritti, sviluppo urbano, innovazione è una sfida importante tanto quanto spendere bene le risorse del Recovery fund."

Commenti
    Tags:
    pierfrancesco maranriderinchiesta rider







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
    Di Ernesto Vergani
    Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.