A- A+
Milano
Marina Abramović / Estasi, dopo Milano arriva al Teatro Anatomico di Modena

 VanitasClub con il patrocinio del Comune di Modena e la curatela di Casa Testori, dopo la tappa di Milano e nell’ambito del tour italiano, portano a Modena, a partire dall’8 marzo, la spettacolare esposizione “Marina Abramović / Estasi”, presentata mercoledì 4 marzo al Teatro Anatomico, nel complesso dell'ex Ospedale Sant'Agostino, dal curatore Giuseppe Frangi di Casa Testori con la partecipazione di Edoardo Filippo Scarpellini di VanitasClub e dell'assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi. L’iniziativa sarà occasione anche per poter scoprire, o ri-scoprire, il Teatro Anatomico L’iniziativa sarà occasione anche per poter scoprire, o ri-scoprire, il Teatro Anatomico, dove venivano analizzati e studiati i misteri del corpo, concetto cui si ricollega l’artista serba con la sua citazione esposta in apertura del percorso espositivo “Attraverso il corpo io vedo l’anima”. Si tratta di un luogo che appartiene alla storia e al patrimonio culturale della città, rappresentazione dell’avanguardia modenese nello studio dell’Anatomia Umana, monumento artistico e opera sontuosa, riconosciuta, a livello nazionale e internazionale, già dall’epoca della costruzione. Un gioiello della storia modenese e italiana, da poco riportato alla sua antica bellezza grazie ai lavori di restauro e a importanti opere di intervento strutturale. Il teatro è ulteriormente valorizzato dalla collocazione negli spazi di AGO Modena Fabbriche Culturali, un polo culturale che mette a sistema le prestigiose istituzioni che operano nell’ampio complesso architettonico di origine settecentesca disposto attorno a Largo Porta Sant’Agostino a Modena e che comprende il Palazzo dei Musei, l’ex Ospedale Estense, la Chiesa di Sant’Agostino e l’ex Ospedale Sant’Agostino. 

La scelta di Modena come seconda tappa del tour conferma la centralità culturale di questa città, dal 1997 Patrimonio Mondiale dell’Umanità per l’Unesco. Di grande importanza il luogo scelto come sede della mostra sia per il legame con le opere esposte di Marina Abramović sia perché questa scelta fa sì che questo luogo, di grande importanza e bellezza, ospiti una delle artiste più rinomate del panorama contemporaneo, grazie all’idea di VanitasClub, alla collaborazione del Comune di Modena e dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e di Ago Modena Fabbriche Culturali. 

L’esperienza è composta dal ciclo di video denominato “The Kitchen. Homage to Saint Therese”, un’opera molto significativa nella quale Marina Abramović si relaziona con una delle più importanti figure del cattolicesimo, Santa Teresa d’Avila. L’opera si compone di tre maxi video, che documentano altrettante performance tenute nel 2009 dall’artista nell’ex convento di La Laboral a Gijón, in Spagna. L’esposizione, unita al luogo e agli spettacolari allestimenti studiati dall’architetto Martina Valcamonica, contribuiranno a rendere incredibile l’esperienza che sta per iniziare. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    marina abramoviĆestasiteatro anatomicomodena






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Dentro la pandemia, le complessità del mercato del lavoro
    Green Pass, non è scienza se censura l'interlocutore
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.