A- A+
Milano
Maroni insiste sulla Cremona-Mantova. E smentisce il suo assessore. Inside
gianni fava

di Fabio Massa

Si fa o non si fa? E chi ha ragione: il governatore Maroni o il suo assessore all’Agricoltura Gianni Fava? Domande che continuano a venire sulla Cremona-Mantova, l’opera infrastrutturale che sembra sempre di più un mistero. L’autostrada è inserita dal 2002 tra le priorità viabilistiche della Regione Lombardia. Si tratta di un’opera da oltre un miliardo di euro, di cui il 10 per cento in carico alla Regione, che avrebbe stanziato un contributo di circa 110 milioni di euro. Per adesso, tutto è in mano a Infrastrutture Lombarde, che dovrà decidere il destino dell’autostrada della concessionaria Stradivaria, controllata da Centropadane. Insomma, tutto propenderebbe per un no alla nuova autostrada.

Eppure Roberto Maroni, nel poderoso documento che ha consegnato, in occasione dell’apertura della Teem, al ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio, ha indicato al punto 3 proprio la Cremona-Mantova (secondo quanto può riferire Affaritaliani.it), l’autostrada da un miliardo di euro che non solo i grillini avversano. Infatti, tra i detrattori più tenaci del progetto, c’è proprio un assessore della giunta Maroni. Uno dei più conosciuti e attivi: Gianni Fava, che ha le deleghe all’agricoltura (ed è di Mantova, cosa da non scordarsi). La dichiarazione, estremamente misurata e poco chiara (tanto per fare ironia, era questa): “Dovranno passare sopra il mio cadavere. Naturalmente non ho la forza di cancellare autorizzazioni e diritti già acquisiti, ma della Mantova-Cremona non c’è alcun bisogno e non si farà. Con il mio voto no di sicuro. Ho detto basta al consumo di suolo per opere inutili e la Mn-Cr lo è”. Chissà se l’ha detto a Maroni e che cosa ne pensa il governatore.

@FabioAMassa

Tags:
cremona mantovamaronifavagianni fava







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.