A- A+
Milano
Coppia dell'acido, Martina vede il figlio: "Voglio essere una madre"

Martina Levato, la giovane condannata a 14 anni di carcere per avere sfigurato con l'acido un ex fidanzato, ha potuto rivedere oggi il suo bimbo partorito a ferragosto, dopo una settimana dall'ultimo incontro. Come stabilito dai servizi sociali che stanno dando esecuzione a un provvedimento del Tribunale per i minorenni, il neonato è stato portato dalla Casa Famiglia, in cui è stato collocato, a San Vittore. L'incontro  - secondo quanto riporta l'Ansa - è avvenuto in una sala utilizzata per gli incontri tra i genitori detenuti e figli.

Martina non vedeva il piccolo da venerdì scorso, quando entrambi sono stati dimessi dalla clinica Mangiagalli di Milano e la studentessa è dovuta tornare in carcere. "Voglio avere la possibilità di essere una madre, ci tengo molto a mio figlio e vorrei poter stare con lui il più possibile". E' quanto avrebbe detto, in sostanza, Martina Levato, ad uno dei suoi legali, l'avvocato Daniele Barelli, che l'aveva incontrata a San Vittore.

Tags:
coppia acidomartinavedefiglio






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.