A- A+
Milano

Rissa fra immigrati in piazza Duomo. Un gruppo di giovani africani si è azzuffato a calci, pungi e cinghiate con un altro gruppo di persone. Attorno a loro il viavai prosegue e si sente solo il grido ripetuto di un uomo che urla ripetutamente "basta". Non risulta che l'episodio sia stato segnalato né al 118, né alle forze dell'ordine.

Piazza Duomo ogni giorno si riempie di stranieri vendono ai turisti braccialetti o scattano loro foto istantanee. Il primo gruppo è tra il cavallo di Vittorio Emanuele e la cattedrale. Il secondo più a destra, verso i portici meridionali. Le urla di chi è coinvolto sono continue, si tratta di stranieri. Una voce fuori campo grida in continuazione: "Basta, basta". Ma quelli continuano. C’è chi si sfila la cintura dai pantaloni e colpisce l'altro a cinghiate con la parte della fibbia, sulla testa.

Le forze dell’ordine, che stazionano di norma a pochi metri di distanza con i loro mezzi 24 ore su 24, all’ingresso della Galleria, o in piazzetta Reale, durante quel minuto non intervengono. Qualcuno commenta: "Questi sono pazzi".

Tags:
maxirissamilanoimmigrati







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.