A- A+
Milano
McDonald's: presidio contro il licenziamento dei rappresentanti sindacali
Proteste a McDonald's

Le sigle sindacali Filcams-Cgil, Fisacat-Cisl, Uiltucs-Uil in presidio con i lavoratori davanti al Tribunale del lavoro di via San Barnaba alle 12 di lunedì. La protesta nasce dal licenziamento di quattro lavoratori dello storico ristorante in San Babila. "Unico dato comune è che i licenziati erano tutti iscritti al sindacato e due di loro erano rappresentanti sindacali", recita una nota stampa. Che prosegue: "Mc Donald’s, che non ha prospettato ai lavoratori alcuna collocazione lavorativa, ha giustificato tali licenziamenti nonostante continui ad assumere nei propri locali di Milano e provincia. L'impressione è che l'azienda abbia voluto colpire i delegati sindacali e gli iscritti al sindacato in un ristorante, quello di San Babila, che l’8 maggio scorso aveva dato vita ad uno sciopero di protesta di un’ora per richiedere la riapertura della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale del turismo scaduto dal 30 aprile del 2013. Filcams-Fisascat e UilTucs milanesi hanno depositato un ricorso per comportamento discriminatorio e antisindacale dell'azienda finalizzato al reintegro dei lavoratori licenziati e a tutelare la libertà sindacale all’interno dell’azienda".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mcdonaldssan babilasindacati






A2A
A2A
i blog di affari
Ddl Zan, e se un ragazzo dicesse di essere un coccodrillo?
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Ddl Zan affossato, la proposta liberticida coerente con il pensiero unico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.