A- A+
Milano
Meazza impantanato dalla burocrazia. Come pensiamo di uscire dalla crisi?
San Siro: i nuovi rendering

ASCOLTA LA RUBRICA "PINOCCHIO" OGNI GIORNO SU RADIO LOMBARDIA (100.3), IN ONDA ALLE 19.10 DURANTE IL PROGRAMMA DI APPROFONDIMENTO "PANE AL PANE" E IN REPLICA IL GIORNO DOPO ALLE 6.45

 

di Fabio Massa

Parliamo di San Siro. E' di oggi la notizia che il Comune tiene duro sulle volumetrie. Per le squadre Milan e Inter, chiamate a rivedere pesantemente il progetto per salvare una parte del Meazza, le volumetrie, ovvero la quantità di altri edifici da realizzare intorno allo stadio, sono fondamentali. Sono infatti quegli altri edifici, tra i quali ci sono un cinema, centro commerciale e negozi, a rendere l'intervento economicamente sostenibile. Il problema è che il Comune vuole che ci sia la metà delle quantità proposte. Ed è ovvio che ci sia uno scontro. Fin qui, è cronaca. Da qui, comincia il problema. Il problema è che se i club dovessero davvero tagliare qui o là, o comunque variare, l'iter autorizzativo vedrebbe una prima risposta dal comune dopo un paio di mesi, e poi c'è anche la Regione che ha la competenza sul commerciale e il rischio - molto probabile - è che non se ne faccia nulla prima della fine del mandato del sindaco Sala. Dunque, visto che il mandato del sindaco è anche la volontà dell'amministrazione, si rischia che poi il progetto rimanga impantanato tra un sindaco e l'altro, o tra un sindaco e se stesso. Insomma, che si debba aspettare dopo le elezioni. Poi ci dovrebbe essere la formazione della giunta eccetera eccetera. Qual è il problema? E' evidente. Se in Italia, e nella pur velocissima Milano, un progetto importante come quello del Meazza rischia di rimanere impantanato per oltre un anno e mezzo dalla burocrazia e dalle autorizzazioni, come mai potremo pensare di procedere con agilità fuori dalla crisi? E come si può pensare che le squadre - per una volta, incredibilmente, le difendo pure io - scelgano di investire in questi termini? Così non funziona, è ovvio. Giova ricordare che Milano nel mondo non è conosciuta per la Madonnina e per i Navigli, e neanche per il Cenacolo e Leonardo. Anche, ovviamente. Ma da tutte le rilevazioni Milano è conosciuta per le sue due squadre di calcio. Se ne tenga conto prima di affidare tutto il processo alla burocrazia più estrema.

Commenti
    Tags:
    san sirocomunestadiosquadrenuovo san siro







    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
    Elena Vertignano
    Mercato del vino: dai corsi sommelier alle vendite l'Italia primeggia
    Elena Vertignano
    Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.