A- A+
Milano
Mercato ittico: un terzo dell'export italiano è lombardo
Mercato ittico

Il mercato del pesce fresco a Milano si sa che e' uno dei piu' grandi d'Italia. Lo stesso vale per il mercato del pesce conservato e lavorato: dalla Lombardia parte oltre un terzo dell'export italiano (35,8%) per un valore che nei primi tre mesi del 2015 raggiunge quasi i 33 milioni di euro, +8,4% rispetto allo stesso periodo del 2014. E' quanto emerge da un'elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Istat e registro imprese al I trimestre 2015 e 2014. Il pesce lavorato e conservato parte soprattutto da Como (84,7% del totale regionale). Seguono Brescia (5,2%), Milano (2,2%) e Lodi (1,6%). Nel 2015 i principali Paesi di destinazione sono Germania e Grecia (11,2% del totale verso il mondo), seguiti da Austria (+13%), Svizzera e Arabia Saudita. E sono oltre 1.400 le imprese ittiche, tra produzione e commercio di pesce fresco e conservato, attive in Lombardia nel 2015, una su venti in Italia, +3,5% in un anno. Sono soprattutto commercianti all'ingrosso (779, +8,5%) o al dettaglio ambulante (246) di pesce. Il maggior numero di attivita' sono a Milano, Brescia, Varese e Bergamo.

Da dove arriva il pesce sulle tavole lombarde? Soprattutto dalla Spagna, per un import di circa 56 milioni di euro in tre mesi. In forte crescita l'Indonesia, seguono Paesi Bassi, Thailandia, Ecuador e Danimarca. Pesce conservato: l'Italia in tre mesi importa per quasi un miliardo di euro. Quasi dieci volte di piu' di quanto esporta. Ma sia l'import che l'export sono in aumento: rispettivamente +13,3% e +9,5%. E nel settore ittico, che tra produzione e commercio conta oltre 29 mila imprese (+1,9%), prima Napoli con 2.170 attivita' (+4% in un anno) seguita da Rovigo con 2.119 (+1,5%). Vengono poi Ferrara, Roma e Venezia. "La pescheria di fiducia e' un valore aggiunto per il consumatore - sottolinea Angelo Valentini, consigliere Assofood (Confcommercio Milano) referente per l'ittico - per la garanzia su qualita' e freschezza ed i consigli sui modi migliori per consumare i prodotti ittici. Continua ad essere interessante la domanda per il pesce da mangiarsi crudo. Preoccupa, in generale, il calo dei volumi di pescato nazionale, ma anche i quantitativi di pescato di qualita' dall'estero (branzini, orate, dentici, scorfani) sono in diminuzione. E cio' finisce inevitabilmente per avere ripercussione sui prezzi".

Tags:
pescecamera di commerciomercato ittico







A2A
A2A
i blog di affari
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.