A- A+
Milano
Milano 2021, Rizzo: "Sinistra divisa, nessun consigliere comunale..."
Basilio Rizzo

Milano 2021, Rizzo: "Sinistra divisa, nessun consigliere comunale..."

"La scorsa volta avevamo fatto una lista di sinistra raccogliendo tutto ciò che non era Pd. Questa volta ci siamo divisi e una parte è andata con Milano Unita a sostegno del sindaco da subito. Il risultato è stato che nessuno dei due partiti ha eletto un consigliere comunale". Così Basilio Rizzo, consigliere comunale uscente di Milano in Comune, uno dei 'veterani' di Palazzo Marino che ha deciso di non ricandidarsi più per continuare l'impegno politico 'da fuori', ha commentato il risultato delle elezioni comunali, interpellato da Mianews, con la sinistra che non ottiene nemmeno un consigliere comunale. La lista Milano in Comune non ha superato infatti la soglia di sbarramento (3%) per eleggere un consigliere, così come è successo a tutte le liste 'a sinistra' del Pd. "Non voglio togliere nulla alla straordinaria vittoria del sindaco", prosegue Rizzo, "ma va anche posto l'accento su una questione: se si va in giro per la città e si beccano quattro persone a caso, tre di loro non hanno votato Sala. Va detto e sottolineato che non è stato il cento per cento degli elettori a riporre in Sala la propria fiducia. Tre quarti dei milanesi non hanno votato per lui". "Certo c'è anche un problema di rappresentanza: la soglia di sbarramento non ha permesso a noi di entrare a Palazzo Marino, come non lo ha permesso ai Cinque Stelle", ha affermato l'ex consigliere comunale.

"La mia amarezza", spiega ancora Rizzo a Mia News, "è che la povertà è aumentata, lo sviluppo della città non ha fatto i conti con le disuguaglianze sociali e i cittadini non hanno avuto la speranza che quelli come noi potessero aiutarli a migliorare la propria vita. Di fronte alla situazione attuale i cittadini hanno scelto di porre la fiducia in chi li ha governati finora. I milanesi che hanno nostalgia del turismo, del Salone del Mobile, dei grandi eventi, hanno pensato fosse giusto affidare al sindaco il raggiungimento di questo obiettivo".

Cosa accadrà ora che 'più a sinistra' non ci sarà nessuno? "Chi governa dovrà farsi carico del prezioso lavoro di chi si propone alle elezioni per stare solo all'opposizione. Mancherà qualcuno che legga tutti i documenti, il 'vigile' che accetta di stare sempre all'opposizione, che stimoli la maggioranza a governare meglio che può. L'opposizione serve a questo: a permettere che le cose vadano avanti meglio per tutti", ha concluso Rizzo. Nessun pentimento però per Basilio Rizzo, sicuro, anche ex post, della scelta di non scendere in campo:"Continuerò a lavorare da fuori. Certo, dovrò trovare un consigliere comunale che mi procuri i documenti...".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    milano 2021basilio rizzo






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
    L'opinione di Tiziana Rocca


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.