A- A+
Milano
Milano, Buffagni candidato sindaco: il M5S pensa di calare l'asso
Stefano Buffagni

Milano, Buffagni candidato sindaco: il M5S pensa di calare l'asso

Partiamo dal fondo, astraendoci per un attimo dal clima Covid: Stefano Buffagni candidato sindaco di Milano. Il rumors è questo, e non è smentito. Il portavoce del viceministro allo Sviluppo Economico, raggiunto da Affaritaliani.it Milano, non conferma e non smentisce. Eppure la vecchia teoria degli indizi e delle prove quasi sempre funziona.

Primo indizio: il "tavolo" di Luigi Di Maio. "Voglio favorire la nascita di una generazione di amministratori del M5s che sappiano governare anche in coalizione, e allora serve un tavolo nazionale con il Pd per ragionare sulle Comunali del 2021 - aveva detto l'ex capo politico pentastellato, per poi lanciare la mina - Per le Comunali del prossimo anno serve un ragionamento complessivo sulle città, partendo da Roma, Milano, Torino, Napoli e Bologna". Insomma, Beppe Sala non è un dogma. Anche se ha buoni rapporti con i pentastellati, anche se va a pranzo da Beppe Grillo. Di più: con la candidatura di Carlo Calenda a Roma di fatto si oppone il Pd a Virginia Raggi. E se salta la Raggi perché non dovrebbe essere contendibile il posto di Beppe Sala.

Secondo indizio: esserci per contare. L'attivista milanese ha bisogno di una candidatura forte del Movimento 5 Stelle. Qualcuno che sia riconosciuto in centro e in periferia. Buffagni è fortissimo sulla zona Nord, Niguarda e dintorni, e piace alla business community. Il suo rapporto con Cdp è consolidato, e così quello con Giuseppe Guzzetti. Insomma, quella di Buffagni è una candidatura forte che andrebbe a scompaginare le carte. L'idea che sta emergendo dalla base è che senza un portabandiera credibile il Movimento 5 Stelle si inabisserà verso il 3 per cento. Inaccettabile.Terzo indizio: Beppe Sala ha frenato sull'accordo con i pentastellati. "Se si dovesse votare domani a Milano, sarebbe più saggio che io e i 5 Stelle ci presentassimo separati. Anche se stimo e parlo con Beppe Grillo", ha detto il sindaco, che ovviamente ha in mente il 'niet' di Renzi e Calenda ad una alleanza se ci sono anche gli uomini di Di Maio. E anche il fatto che da solo pensa di riuscire a drenare i voti di quella parte politica, oggi in difficoltà. Un nome con Buffagni sarebbe perfetto per rimettere tutto in discussione.

Tre indizi fanno una prova? Forse sì. Rimane la mancata smentita di Buffagni, davvero significativa. Forse pensa di correre, e per Sala sarebbe un ostacolo in più.

fabio.massa@affaritaliani.it

Commenti
    Tags:
    elezioni milano 2021stefano buffagnicinque stellebuffagni m5scandidato sindaco m5s
    Loading...

    Regione Lombardia Video News








    A2A
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    In futuro ci cureranno robot DNA progettati in pochi minuti
    di Maurizio Garbati
    In coda per le scarpe Lidl? Tutti schiavi dell'apartheid globale capitalista
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    L'incontenibile ascesa di Paola Donnini


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.