A- A+
Milano
Milano, Consiglio di Stato dà ragione a Comune su nuove licenze taxi

Milano, Consiglio di Stato dà ragione a Comune su nuove licenze taxi

Nuova vittoria del Comune di Milano nella vicenda del ricorso che le associazioni dei tassisti hanno presentato contro l'amministrazione sul bando per le nuove licenze. Il Tar della Lombardia aveva respinto la richiesta di sospensiva del bando lo scorso aprile e ora si è espresso anche il Consiglio di Stato, a cui hanno fatto appello i tassisti, respingendo le loro richieste e condannandoli al pagamento delle spese processuali.

Taxi, l'obiettivo è arrivare ad avere in città mille auto in più

Quindi, a maggior ragione dopo questo pronunciamento, il Comune andrà avanti con una seconda gara, dopo quella indetta a metà marzo per 450 nuove licenze, con l'obiettivo di arrivare ad avere in città mille auto in più. Il Consiglio di Stato ritiene "in relazione ai profili di periculum, che l'interesse invocato dagli appellanti ha carattere essenzialmente economico - si legge nella sentenza -, e come tale è da reputare subvalente rispetto a quello richiamato dall'amministrazione in relazione alla procedura". Viene quindi respinto l'appello delle associazioni dei tassisti e condannata "la parte appellante alla rifusione delle spese del presente appello cautelare, liquidandole nella misura di complessivi € 3.000,00, oltre accessori di legge, in favore dell'amministrazione costituita".








Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.