A- A+
Milano
Milano, deceduto il medico aggredito a colpi d'accetta
Giorgio Falcetto

Deceduto il medico aggredito

E' deceduto ieri sera, all'ospedale San Raffaele, dove era ricoverato, il medico piemontese Giorgio Falcetto di 76 anni colpito alla testa con un'accetta nel parcheggio del Policlinico San Donato. L'aggressore, un uomo di 62 anni, pregiudicato, è stato identificato e sottoposto a fermo immediatamente dopo il fatto dai Carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese.   Il pm di Milano Giovanni Polizzi ha inoltrato all'ufficio gip la richiesta di convalida del fermo e di custodia cautelare in carcere per il pregiudicato che ha colpito alla testa  Giorgio Falcetto. L'uomo ha confessato davanti ai carabinieri che l'hanno rintracciato nelle ore successive nella sua abitazione a Rozzano (Milano). Ha sostenuto che in passato era stato in cura dal medico per un problema "che non era stato risolto". Elemento che allo stato, però, non avrebbe trovato riscontri.

Il cordoglio di Attilio Fontana

"Apprendo con grande dolore la notizia della morte del dottor Giorgio Falcetto, il medico selvaggiamente aggredito davanti all'ospedale di San Donato Milanese. Esprimo il cordoglio e la vicinanza di tutta la Regione Lombardia e dei lombardi ai suoi familiari e ai suoi cari. Una preghiera per il dottor Giorgio". Lo dichiara il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
accettamedicomilano






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.