A- A+
Milano
Milano, in 700 formano una "catena umana" per pedalare in sicurezza
Milano, 14enne in bici travolto da un tram

Milano, in 700 formano una catena per pedalare in sicurezza

Una "catena umana" lunga 1000 metri a protezione della pista ciclabile in viale Monza, nel tratto compreso tra via Martiri Oscuri e piazzale Loreto: l'hanno creata questa mattina, tra le 7.30 e le 8.30, circa 700 persone che hanno partecipato alla manifestazione "Proteggimi", pensata per permettere di pedalare in sicurezza. "Questa mattina abbiamo avuto la conferma che Milano è pronta a un cambiamento radicale di prospettiva rispetto alla mobilità cittadina" dichiarano Giovanni Mandelli, Maria Dellagiacoma e Elena Milazzo, tra gli organizzatori della manifestazione.

Milano, in 700 formano una catena per pedalare in sicurezza

"Infatti - spiegano - la comunità delle persone che chiedono al Comune di Milano strade più sicure per chi si sposta a piedi e in bicicletta è sempre più grande e attiva sul territorio. L'anno scorso, il 10 novembre 2022, qui per la prima edizione di ProteggiMi, eravamo in 300, oggi siamo più del doppio". I ciclisti chiedono alla Giunta Sala di proteggere da subito le piste ciclabili di Milano dalla sosta selvaggia di auto e camion, e al sindaco di avviare il percorso che porti Milano a diventare un'intera città con il limite di 30 all'ora, accogliendo la richiesta presentata e approvata in Consiglio comunale il 9 gennaio 2023.

Iscriviti alla newsletter

Clicca Qui






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.