A- A+
Milano
Milano, ingegnere arrestato per usura: prestiti a tasso del 180%

Un ingegnere di Milano che faceva anche l'usuraio con tassi del 100% ma con picchi del 182,5% e' stato individuato dalla Guardia di Finanza di Bergamo. La scoperta e' avvenuta dopo la denuncia presentata da un imprenditore bergamasco che, strozzato dalle condizioni dall'usuraio M.A., si e' trovato a dover scegliere tra pagare immediatamente le esorbitanti cifre richieste oppure cedere buona parte delle azioni della propria societa'.

I finanzieri hanno cosi' individuato numerose altre vittime: imprenditori e professionisti di varie provincie della Lombardia e, in un caso, in provincia di Venezia, che sono ricorsi all'usuraio per far fronte ad impegni economici. Per dare una parvenza legale alle somme che riceveva l'usuraio imputava i movimenti finanziari nella contabilita' di due aziende a lui riconducibili, entrambe di Milano, attraverso il ricorso ad artifici contabili e all'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Lo strozzino e' agli arresti domiciliari. I militari della Guardia di Finanza hanno posto sotto sequestro preventivo finalizzato alla confisca, un immobile del valore di circa centocinquantamila euro e numerosi conti nella disponibilita' dell'usuraio per alcune decine di migliaia di euro.

Tags:
milanoingegnerearrestatousuraprestiti






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.