A- A+
Milano

Milano, Perbellini lascia Trussardi. Dal progetto di rilancio all'addio

Giancarlo Perbellini sarebbe in procinto - come riporta Gambero Rosso - di lasciare il ristorante Trussardi. Alla riapertura dopo le vacanze, prevista per il 4 settembre, non dovrebbe esserci il tocco del cuoco veronese.

L'esperienza di Perbellini da Trussardi

Perbellini, racconta il portale specializzato in food, era arrivato nell’autunno del 2022 con tanto di partecipazione al consiglio di amministrazione della Pontaccio, la srl del gruppo Trussardi che gestisce il locale. Il suo sbarco si legava a un ambizioso progetto di rilancio di un locale che negli ultimi tre lustri aveva vissuto una fase altalenante. I successi di Andrea Berton, di Luigi Taglienti e, in misura minore, di Roberto Conti hanno fatto da contraltare a periodi meno scintillanti.

Dalle dimissioni a marzo all'addio ufficiale ad agosto

Le prime avvisaglie di crisi tra Perbellini e la Trussardi si segnalano a marzo quando il cuoco si dimette dal Cda: “Non essendoci più l’amministratore delegato della Pontaccio, io non avevo potere di firma per poter pagare gli stipendi dei dipendenti”, aveva dichiarato. Poi nei giorni scorsi la conferma dell'addio ufficiale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gaetano perbellinimilanoristorantetrussardi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.