A- A+
Milano
Milano, Sala vola nei sondaggi. Ma il centrodestra è avanti
Beppe Sala

Milano, Sala vola nei sondaggi. Ma il centrodestra è avanti

Il sindaco di Milano Beppe Sala vola nei consensi dei suoi concittadini, raggiungendo addirittura il 69 per cento di voti favorevoli al suo operato. Performance che va di pari passo con la richiesta che Sala resti a Milano anche per un secondo mandato (lo vuole il 50 per cento), contro un 14 per cento che lo vorrebbe vedere lanciato su uno proscenio nazionale. E' l'esito del nuovo sondaggio Ipsos riportato oggi dal Corriere. Che racconta anche molte altre cose. Pollice su anche per la Giunta, promossa dal 72 per cento degli intervistati, con Pierfrancesco Maran primo nell'indice di gradimento seguito da Filippo Del Corno. Sia i dati relativi al sindaco che quelli relativi agli assessori sono in crescendo rispetto all'inizio dell'amministrazione, fatto non scontato.

Intenzioni di voto: il centrodestra per le Amministrative 2021: il centrodestra oggi sarebbe avanti con il 44,8%, con Fratelli d'Italia in forte crescita e doppia cifra (supererebbe il 12 per cento) a tutto discapito di una Forza Italia in caduta libera (4 per cento). Lega primo partito con il 26,8 per cento. Il centrosinistra nel suo complesso si attesta al 42,1 per cento, con il Pd primo partito al 27,4 per cento. Italia Viva al 2,5 per cento superata anche da Azione, il partito di Carlo Calenda (3,2 per cento). Cinque Stelle al 9,4 per cento. Una possibile alleanza Pd-M5S per le amministrative? Il 57 per cento degli intervistati ha detto no. Ma mentre i pentastellati meneghini sarebbero più propensi, la bocciatura più netta a questa prospettiva viene dagli elettori dem.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    sondaggio ipsoselezioni milano 2021beppe sala






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green Pass, le manifestazioni pacifiche possono far cedere il regime sanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Barbero sempre attaccato da quando si è dichiarato contro il Green Pass
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.