A- A+
Milano
Milano, sequestrati beni per 10 milioni al broker che truffò Antonio Conte

Milano, sequestrati beni per 10 mln al broker che truffò Antonio Conte

Indagine per riciclaggio condotta dalla procura di Milano: la Guardia di Finanza ha sequestrato beni per 10,9 milioni di euro a Massimo Bochicchio, consulente finanziario già radiato dalla Consob. Il broker era già finito al centro di un'indagine della Procura di Modena - che secondo fonti investigative non è collegata a quella attuale - per aver truffato alcuni clienti, tra cui l'allenatore dell'Inter Antonio Conte. Tra i beni posti sotto sequestro questa mattina dalle Fiamme Gialle, anche opere d'arte di grande valore, una casa a Cortina d'Ampezzo e diversi conti correnti. Sono anche in corso perquisizioni a casa del broker e in altri immobili nella disponibilità di Bochicchio.

Tra i clienti vip di Massimo Bochicchio, il broker indagato per riciclaggio dalla Procura di Milano a cui sono stati sequestrati beni per 10,9 milioni di euro, non c’era solo l’allenatore dell’Inter Antonio Conte, ma anche il calciatore Stephen El Shaarawy, l’ex Ct della Nazionale Marcello Lippi e il figlio Davide. I nomi compaiono in un passaggio delle 50 pagine del decreto di sequestro preventivo firmato dal gip di Milano Chiara Valori.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    massimo bochicchioantonio contebrokersequestro beni






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
    Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.