A- A+
Milano
Milano zona 30, i pasdaran ed il buonsenso di Sala
Beppe Sala

Milano zona 30, i pasdaran ed il buonsenso di Sala

Sala mostra cautela e buonsenso sulla mobilità cittadina. Ai pasdaran (Monguzzi e Fedrighini) dei limiti di velocità (sulla carta), quelli dei 30 all’ora, costi quello che costi, dice: “Per adesso la misura è uno stimolo, ci sto riflettendo con attenzione. Gli uffici ci stanno lavorando per capire dove applicarla, ovviamente non in tutta Milano”. Milano deve marciare e lo dice bene l’assalto quotidiano di tir, furgoni e furgoncini che devono alimentare la città, dalla tangenziale fino a piazza Duomo. Sala vuole esplorare grandi metropoli, come Parigi e Londra, per offrire ai milanesi – un po’ stanchi di finire spesso sotto l’occhio inclemente e avido delle telecamere di Area B e C – una risposta seria e duratura. Impresa ardua, perché la mobilità è la bestia nera di tutte le giunte. Ma Sala ci proverà e forse si terrà lontano da scelte tutte ideologiche.

Da. Bo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
milano zona 30salatraffico






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.