A- A+
Milano
MilanoSiMuove ci riprova: depositati quattro nuovi referendum

Riapertura dei Navigli, interventi sulla mobilità, verde pubblico e 25mila nuovi alloggi sociali: sono questi i temi dei quattro nuovi quesiti referendari che il comitato ambientalista-radicale MilanoSiMuove intende far sottoporre ai milanesi. I referendum sono stati depositato a Palazzo Marino dal gruppo di Marco Cappato ed Edoardo Croci, lo stesso dei quesiti del 2011. Che, secondo i promotori, non sono stati pienamente realizzati una volta sottoposti al parere dai cittadini. Alloggi in edilizia privata ricavati dagli uffici sfitti, riapertura dei Navigli, interventi sulla mobilità e più verde pubblico, la nuova linea del metrò, la 6; Area C più grande, fino ai confini di una circle line ferroviaria da realizzare; stop ai diesel e nuove ciclabili, più verde e raddoppio degli alberi, riapertura dei Navigli: questo l'ambizioso programma dei promotori che ora attendono i 15 giorni canonici per un primo parere dei garanti comunali sulla legittimità dei referendum.

Tags:
milanosimuovereferendumandrea cappatoedoardo croci






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.