A- A+
Milano
Militare ferito: l’aggressore resta in carcere con l’accusa di terrorismo

Militare ferito: l’aggressore resta in carcere con l’accusa di terrorismo

Il gip di Milano Natalia Imarisio ha convalidato l'arresto di Mahamad Fathe, il 23enne yemenita che ha ferito con delle forbici un militare alla stazione Centrale di Milano. Il giovane ha rifiutato di comparire davanti al gip per l'interrogatorio di convalida, non motivando il suo diniego. Il giudice ha confermato le accuse di tentato omicidio aggravato dalle finalita' terroristiche e violenza a pubblico ufficiale, sottolineando i pericoli di fuga, reiterazione del reato e inquinamento delle prove. 

Commenti
    Tags:
    militare feritomilanoterrorismo







    UNA RETI
    A2A
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Associazione Milano Vapore. A Marco Pannella i giardini di Piazza Aquileia
    Un mondo in silenzio? #casaebottegaJalisse si interroga
    jalisse
    Conto corrente e investimenti comuni: quali diritti in caso di separazione?
    Di Andrea Gazzotti*


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.