A- A+
Milano
Mobilità accessibile, Atm e Ledha firmano l’intesa

Mobilità accessibile, Atm e Ledha firmano l’intesa

L’Azienda dei Trasporti Milanesi ha firmato nei giorni scorsi con Ledha Milano Città Metropolitana un protocollo d’intesa per rafforzare il proprio impegno nel promuovere il diritto all’accessibilità e al trasporto delle persone con disabilità o a mobilità ridotta.  Questo accordo consolida una collaborazione, attiva già da tempo, tra le due realtà che si promuovono sviluppatrici di progetti di sensibilizzazione ad ampio raggio.

Il Piano Strategico, cultura d'impresa serve a creare valore

Tra i punti salienti del Piano Strategico Atm è annoverata la promozione di una cultura d’impresa aperta a tutte le diversità, con l’obiettivo di diffondere l’unicità delle persone e creare attorno a questo valore e rispetto per le diversità. Il protocollo tra le due società prevede tavoli tecnici di confronto periodicamente distribuiti per condividere la propria esperienza e il proprio know-how, con il fine di sviluppare soluzioni concrete per il miglioramento dell’accessibilità del trasporto ed eliminare le barriere architettoniche, che spesso risultano limitanti nell’ottica di una lineare circolazione. Il protocollo prevede inoltre corsi di formazione per tutti i dipendenti di Atm che lavorano a contatto con i clienti, per aiutarli a migliorare la relazione e il supporto verso i passeggeri con disabilità motoria, sensoriale o cognitiva o le persone con ridotta mobilità, come per esempio le persone anziane.

Atm, 21 milioni per rendere 9 stazioni accessibili

Quest’intesa rafforza l’impegno di Atm, che è al lavoro per migliorare innanzitutto l’accessibilità del sistema di trasporto, anche in vista dei prossimi appuntamenti, come i Giochi Olimpici e le Paralimpici Invernali del 2026. Oggi tutti i bus urbani e le linee metropolitane più recenti M3, M4 e M5 sono accessibili al 100%. Sulle altre due linee metropolitane M1 e M2, che risalgono agli Anni Sessanta, prosegue il piano di interventi stabilito dal Comune di Milano e Atm per dotare di ascensori e montascale alcune stazioni che ancora oggi non ne sono provviste. Con un investimento complessivo di 21 milioni di euro partiranno i lavori per 9 stazioni: Sesto Rondò, Bande Nere, San Leonardo, Uruguay, De Angeli per la M1 e Sant’Agostino, Garibaldi e Lambrate per la M2. Va avanti in parallelo anche il rinnovo della flotta di tram e filobus.

Il servizio di customer care Atm

L'azienda è firmataria a livello internazionale della “Dichiarazione di Lecco”, promossa da UITP (l’Associazione internazionale del Trasporto Pubblico) e finalizzata a migliorare l’accessibilità del Trasporto Pubblico Locale. Per rispondere alle esigenze di tutti i passeggeri, Atm mette a disposizione strumenti dedicati, come la piattaforma online “Informazioni senza barriere”, che consente di essere sempre aggiornati sul funzionamento degli ascensori e montascale delle 5 linee metropolitane. La piattaforma è fruibile anche dalle persone con disabilità visiva, che utilizzano speciali screen reader per consultare le pagine web. https://isb.atm.it/. Sul sito Atm, inoltre, c’è una sezione dedicata ai passeggeri con disabilità dove è possibile trovare tutte le informazioni utili riguardo a mezzi accessibili, soluzioni per disabilità motoria, visiva e uditiva, tariffe agevolate e pass auto.

 

 








Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.