A- A+
Milano
'Mongoloide e ricchione": esponente gay del Pd picchiato in un bar
Andrea Leggieri (via Twitter)

"Ero in un bar di piazzale Bacone a Milano a prendere un caffè quando ho chiesto di utilizzare il bagno e il proprietario mi ha pesantemente insultato perchè sono gay e un cliente mi ha tirato un pugno alle spalle spingendomi e facendomi cadere per terra": questa la denuncia del 31enne Andrea Leggieri, esponente del Pd di Taranto che si trovava a Milano questo weekend. "Il fatto - prosegue il giovane -  è avvenuto alle 19. Mi hanno chiamato mongoloide e ricchione, le classiche offese che devi sentire tutti i giorni. Io ho detto che non stavano offendendo me, ma una moltitudine di persone. Più che il male fisico mi fa male quello che è successo. Altri facevano da schermo a gente che voleva venire in mio soccorso. Poi sono intervenuti i poliziotti e il 118. Denuncerò per diffamazione il proprietario del locale, perchè dice di non conoscere il cliente che mi ha aggredito, ma io so che lo conosce". Leggieri è responsabile dei Diritti civili nel Partito democratico tarantino.

Tags:
andrea leggieribargayomosessualitàpd






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.