A- A+
Milano
Morto in gita, gli esami: 'Molto alcol anche poco prima di cadere'
domenico maurantonio

Non aveva ingerito lassativi Domenico Maurantonio, lo studente padovano morto a Milano lo scorso 10 maggio dopo essere precipitato dal quinto piano dell'hotel 'Da Vinci' dove era ospite con la classe in gita all'Expo. E' questo l'esito delle analisi dei consulenti della Procura effettuate nell'ambito dell'indagine del pm Claudio Gittardi. I primi accertamenti farmacologici condotti da Luca Sironi, il tossicologo nominato come consulente dal pm Claudio Gittardi assieme a Giulio Giovannetti (medico-legale) e Marzio Capra (genetista) hanno escluso la presenza dei principi attivi alla base dei piu' comuni lassativi in commercio. Il giovane aveva invece bevuto molto prima di cadere. I consulenti hanno rintracciato nello stomaco del giovane una quantita' di alcol che, una volta entrato in circolo, avrebbe potuto far salire il livello alcolemico fino a oltre 3 grammi per litro. Il fatto che l'alcol fosse 'ancora' nello stomaco significa che lo studente aveva continuato a bere per tutta la serata fino a poco prima di precipitare dal quinto piano dell'albergo. Sono in corso, inoltre, le prove cinetiche disposte dalla Procura: sembra, stando ai primi risultati, che il ragazzo sia precipitato 'a piombo' e cioe' che il volo sia stato radente al muro dell'albergo. Accanto al suo corpo furono trovati mutande e pantaloncini.

Nel frattempo nel pomeriggio di venerdì la Polizia scientifica ha svolto una serie di "prove cinetiche", cercando di fatto di simulare il tragico volo dello studente dal quinto piano dell'hotel "Da Vinci". I consulenti dei magistrati hanno analizzato la traiettoria di caduta utilizzando un manichino. Prove utili a capire se il giovane è stato spinto, si è lasciato cadere o se ha perso l'equilibrio.

Tags:
domenico maurantonioclaudio gittardi







A2A
A2A
i blog di affari
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.