A- A+
Milano
Morto in gita, il legale dei genitori: "Ricostruzione compagni non tiene"
domenico maurantonio

"Nell’ambito dell’indagine difensiva fatta per conto della famiglia appare che ad un certo punto tutto si blocca intorno alle 5. I ragazzi che ho sentito ricostruiscono i fatti fino ad un certo punto, poi tutto si ferma perché tutti fanno dell’altro. Una ricostruzione che proprio non sta in piedi". Sono le parole dell'avvocato Eraldo Stefani, il legale nominato dai genitori di Domenico Maurantonio, studente padovano di 19 anni precipitato dal quinto piano dell'hotel di Milano in cui si trovava in gita scolastica. "I ragazzi - aggiunge - danno la percezione di una certa sicurezza a prima vista, in realtà si tratta di una sicurezza solo apparente, indice di fragilità, per lo più perché quell’albergo ha una modesta insonorizzazione. Questo significa che è inverosimile che nessuno abbia sentito nulla".

"La mia preghiera - ha detto Stefani - è che questi ragazzi portino il più possibile a completezza le loro narrazioni, perché ogni giorno che passa getta ulteriori ombre su questa vicenda. Sempre nell’ambito delle indagini difensive ho scoperto che la classe si è incontrata fuori dalla scuola in un ambiente privato subito dopo la tragica gita. Di certo in questa indagine devono essere 'attenzionati' i ragazzi, ma anche i professori, la scuola nel suo insieme, le istituzioni al di sopra della scuola e i genitori dei ragazzi"

Nel frattempo è anche nato su facebook un gruppo dal titolo "Vogliamo verità e giustizia per Domenico Maurantonio" è stato aperto poche ore fa su Facebook. E mentre gli investigatori di Padova continuano ad interrogare i ragazzi della 5E e della 5F in attesa degli esiti dei test della scientifica, la scuola ha messo a disposizione uno psicologo che possa seguire gli studenti da qui sino all'imminente maturità: "I ragazzi sono molto scossi dalla tragedia che ha riguardato il loro compagno - afferma un insegnante - è importante che abbiano qualcuno con cui confidarsi in un momento tanto delicato della loro carriera scolastica". E sale la tensione, con la dirigente del liceo Nievo che si dice pronta a querelare chi "senza sapere nulla della vicenda, si permette di indicare la scuola come corresponsabile della morte del ragazzo".

Tags:
domenico maurantonio







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati
L’intelligence come tutela della democrazia del Paese
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.