A- A+
Milano
Moschee, nuovo rinvio. La rabbia dei musulmani: "E' da 4 anni che aspettiamo"

Nuovo rinvio per l'apertura delle offerte economiche per l'assegnazione di tre spazi pubblici da adibire a moschee. E i musulmani di Milano se la prendono con il Comune: "Segnale di incompetenza, la gestione del bando è disastrosa", ha affermato il portavoce del Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano Davide Piccardo a Il Giorno. 

Il 15 luglio la Commissione tecnica comunale avrebbe dovuto aprire le offerte economiche arrivate da sette associazioni religiose (cinque delle quali islamiche) per l’assegnazione di tre spazi pubblici: via Sant’Elia (ex Palasharp), via Esterle (ex bagni pubblici) e via Marignano (terreno ai confini con San Donato Milanese). Ma è stato tutto rinviato perché la commissione ha chiesto di svolgere ulteriori analisi sulle documentazioni di approfondimento presentate dai partecipanti al bando.

Tutto è stato spostato, dunque, all'inizio di agosto. Non si tratta del primo rinvio per il bando, che sembrava essere arrivato nella fase conclusiva già lo scorso febbraio. Da qui la rabbia delle associazioni islamiche che sottolineano come è da 4 anni, cioè dall'insediamento di Giuliano Pisapia a Palazzo Marino, che sono in attesa di uno spazio dove pregare.

 

Tags:
moschee






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.