A- A+
Milano
Natale, per i regali le famiglie lombarde spenderanno più della media italiana

Natale, per i regali le famiglie lombarde spenderanno più della media italiana

Con le festività alle porte, le famiglie lombarde si preparano al consueto shopping natalizio. Ma quanto spenderanno? In media 356€, un dato superiore rispetto a quello nazionale (322€). La maggior parte spenderà fino a 250€ (46%), ma c’è chi si spingerà oltre, arrivando a spendere tra i 251€ e i 500€ (26%) e tra i 501€ e 750€ (7%). I più fortunati potranno arrivare fino ai 1000€ (6%, superiore rispetto al 4% nazionale) o addirittura oltrepassare questa soglia (5%, la media italiana si ferma al 2%). Oltre metà delle famiglie lombarde spenderà, in ogni caso, quanto lo scorso anno (62%), anche se qualcuno potrà permettersi qualche sfizio in più (13%). Cosa vorrebbero trovare sotto l’albero? Per i lombardi questo Natale sarà un’occasione per rinnovare il proprio guardaroba: abbigliamento, calzature e accessori sono sempre tra i regali preferiti (45%).

C’è però anche tanta voglia di viaggiare e di ricevere in dono dei biglietti aerei (36%), e non manca chi desidera prodotti informatici (23%), libri e riviste (20%) e prodotti alimentari (17%). E cosa regaleranno? Anche qui spiccano abbigliamento, calzature e accessori (46%), che i lombardi amano donare oltre che ricevere. Al secondo posto giochi per bambini (26%, molto più della media italiana del 18%), seguiti da libri e riviste (21%) e prodotti alimentari (21%). Ma com’è andato il 2019 per i lombardi? Il 2019 è stato un anno complesso nel percepito degli intervistati, con particolare riguardo alla situazione generale dell’Italia. I lombardi sono più critici del resto degli italiani: solo per il 12% (il 16% a livello nazionale) l’economia del Bel Paese è migliorata nell’ultimo anno, mentre per ben il 48% (contro il 40% italiano) è addirittura peggiorata. Evidenze che si confermano, nonostante qualche differenza, quando l’analisi si sposta alla situazione economica della famiglia: il 18% (in linea con il 19% nazionale) ritiene che la propria famiglia stia meglio rispetto al 2018, il 32% (30% nel resto d’Italia) peggio. E per il 2020 cosa prevedono? Quando interrogati sul futuro, i lombardi non sembrano molto più ottimisti: il 21% pensa che l’economia Italiana migliorerà nel 2020 (contro il 28% a livello nazionale), così come il 33% lo pensa delle finanze della propria famiglia (in linea con il 32% italiano). Ma sorprende il dato di chi crede possano entrambe peggiorare: il 37% (il 29% in tutta Italia) crede che il 2020 sarà un anno negativo per l’economia del Paese, il 25% è convinto che lo sarà per il nucleo familiare (il 18% a livello nazionale). In generale i lombardi desiderano che si attenui la crisi economica (23%), stare più tempo con la famiglia (20%, dato superiore rispetto al 15% nazionale) e trovare un lavoro (13%).

Tra i progetti da realizzare per la propria famiglia spiccano: fare un viaggio (32%), acquistare un’auto o moto (21%) e ristrutturare casa (16%), mentre in pochi cullano il sogno di comprare una casa (8%), molto più gettonato nel resto d’Italia (14%). “In Lombardia il budget stanziato dalle famiglie è superiore rispetto alla media italiana.” – ha commentato Luigi Pace, Direttore Centrale Marketing e Innovation di Compass. “Ciò evidenzia un maggior benessere economico rispetto alle altre regioni pur in presenza di alcune preoccupazioni legate al futuro del Paese. In questo scenario il credito al consumo è strumento per la realizzazione di quei desideri e progetti personali o famigliari che non vedrebbero la luce senza la possibilità di diluire la spesa nel tempo. Proprio per questo Compass è a fianco dei cittadini lombardi e di tutti gli italiani che non rinunciano ai propri progetti e che cercano un partner affidabile per realizzarli .” (imprese-lavoro.com)

 

Commenti
    Tags:
    nataleregalifamiglie lombarde






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    Green Pass, onore a Natura Sì: prima azienda che paga i tamponi ai lavoratori
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il Tribunale di Lecce annulla cartella da 130.000 mila euro
    Ginevra, un melting pot newyorchese nella piccola Svizzera
    di Leone Ronchetti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.