A- A+
Milano
'Ndrangheta e voto di scambio, sindaco del Varesotto chiede rito abbreviato

'Ndrangheta e voto di scambio, sindaco del Varesotto chiede rito abbreviato

L'ex sindaco di Lonate Pozzolo (Varese) Danilo Rivolta insieme ad altri quattro persone ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato nell'ambito dell'udienza preliminare relativa all'indagine della Dda di Milano sul presunto voto di scambio nel comune del Varesotto alle amministrative del 2014. Oltre a Rivolta la richiesta di rito alternativo che prevede lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna e' stata avanzata dal gup Tiziana Gueli anche da Peppino Falvo, ricordato come il "re dei Caf" e coordinatore regionale dei Cristiano Democratici, Francesca De Novara, nominata assessore al Comune di Lonate Pozzolo nella giunta Rivolta con delega alla Cultura, (e' anche nipote di Alfonso Murano assassinato in un agguato di mafia nel 2006, mentre era al vertice del gruppo lonatese della locale di Legnano-Lonate Pozzolo), il padre Salvatore De Novara, detto 'Franco' (imprenditore edile) e Cataldo Casoppero, condannato lo scorso 25 settembre dal Tribunale di Busto Arsizio a 14 anni di reclusione perche' affiliato alla 'ndrangheta.

Nel processo che riprendera' il prossimo 18 ottobre si e' costituito come parte civile anche il comune di Lonate Pozzolo, guidato oggi da Nadia Rosa. L'inchiesta dei Carabinieri, coordinata dai pm antimafia Alessandra Cerreti e Cecilia Vassena, e' uno stralcio parallelo alla piu' ampia indagine 'Krimisa'. Per questo reato, corruzione elettorale e scambio elettorale politico mafioso, il 15 ottobre 2020 i militari del nucleo investigativo di Milano hanno notificato 5 informazioni di garanzia e avvisi di conclusione indagini a firma a Rivolta, Falvo, De Novara padre e figlia, e Casoppero. I reati contestati in questo fascicolo fanno riferimento alle elezioni amministrative del Comune di Lonate Pozzolo del maggio 2014 quando, secondo le indagini, Rivolta fu eletto grazie all'appoggio della 'ndrangheta, ed in particolare di Casoppero, attraverso un pacchetto di 300 voti, in cambio della promessa di assegnare un assessorato ad un candidato "gradito" alle famiglie mafiose originarie di Ciro' Marina, in Calabria; nel caso di specie si trattava proprio di Francesca De Novara. L'operazione di scambio fu, secondo l'accusa, organizzata e mediata da Falvo, nel suo ruolo di coordinatore politico locale. Fu lo stesso Rivolta, interrogato a Busto Arsizio, a confermare le ipotesi accusatorie, dichiarando che nel febbraio 2014, Peppino Falvo suggeri', durante la campagna elettorale, che i De Novara avrebbero appoggiato lo stesso Rivolta con un pacchetto di 300 voti purche' la figlia ricevesse la delega assessorile".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    'ndranghetavoto di scambiolonate pozzolorito abbreviato






    A2A
    A2A
    i blog di affari
    La CGIL è la stampella dei padroni
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.