A- A+
Milano
Asili nido, la protesta di Noi Moderati: Consiglio Comunale sospeso

Asili nido, la protesta di Noi Moderati: Consiglio Comunale sospeso

Sospesa per qualche minuto la seduta del Consiglio comunale a causa della protesta di una decina di rappresentanti di Noi Moderati che ha interrotto i lavori per denunciare la mancanza di posti negli asili nido milanesi.

Il sit in davanti a Palazzo Marino

I manifestanti, capeggiati dal deputato Alessandro Colucci, dalle tribune riservate al pubblico hanno urlato 'asili nido-asili nido' e tentato di esporre lo striscione con la scritta 'Date asilo ai bambini', esposto poco prima anche durante il sit-in davanti a Palazzo Marino. Lo striscione è stato portato fuori dall'aula dai vigili. I lavori sono poi ripresi. Alessandro Colucci, parlamentare di Noi moderati", ha spiegato che "sono 3.800 le famiglie che attendono un posto in asilo nido. Il Comune di Milano ha fatto un progetto da 5 milioni, Roma da 28. Questa non è una città per giovani. Non è più una città accogliente, i ragazzi si licenziano per tenere i bambini, la situazione è drammatica. Non è accettabile che ci siano famiglie fatte da due ragazzi uno dei quali deve rinunciare al lavoro. Non è un Comune serio, non ci sono progetti e si sta decidendo di fare altro". Secondo Colucci "la città non può essere solo turismo, prima si devono accogliere i propri cittadini". "Il futuro sono i giovani, le coppie e i bambini - ha ribadito -. Il Consiglio comunale è alle quattro di pomeriggio e non possono nemmeno venire qui perché devono lavorare. Ci sono coppie escluse dalla graduatoria, sotto pandemia si era risolto con i voucher ma quelle risorse non ci sono più".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
asili


Clicca Qui






Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.